Crea sito

​[5°Storia] La carta Ashbless

Nei miei post precedenti vi ho raccontato la storia degli Smeraldo. Vi ricordate il luogo dove ne ho sentito parlare la prima volta, l’Accademia delle Carte da Gioco? Siete curiosi riguardo il collegamento tra lo Smeraldo e le carte? Oggi vi parlerò di una figura collegata alle carte, William Ashbless.

Non molto è conosciuto di Ashbless, eccetto per il fatto che fu un nobiluomo e poeta italiano. Ashbless fu anche esperto nel gioco e nella lettura delle carte, che iniziò a diventare popolare in Europa nel 16esimo secolo. Creò carte e tarocchi per le corti e i saloni delle nobildonne, ma si dice che l’essere sempre immerso nel lavoro lo fece ammalare.
Successe quando si recò in campagna per cambiare aria. Mentre cercava sorgenti calde ed aria fresca per migliorare la sua salute, Ashbless si imbatté nello Smeraldo.

Ai limiti di un villaggio rurale, dove sorgevano solo delle rovine di un castello, un fiore di bellezza ultraterrena stava sbocciando.

Chiese in paese il nome del fiore, ma nessuno lo conosceva. Poi venne a conoscenza da un’anziana signora della romantica leggenda sul fiore.
Probabilmente avrete già immaginato da come si appassionasse ai tarocchi che Ashbless era un romantico. La storia d’amore dell’uomo defome e della mendicante lo commosse profondamente. Ashbless assegnò subito un nome al fiore e un significato. Il fiore venne detto ‘Smeraldo’, dal nome del paese, Città di Smeraldo, e il suo significato è ‘la verità che non poté essere detta’ (non potevo dire la verità). Tornato a casa sua, creò la carta “il Fiore”, ispirata dallo smeraldo, e la incluse nel mazzo Ashbless. Dritta significa ‘realizzazione’, ‘sbocciare’ e rovesciata significa ‘caduta’, ‘fine’ e ‘nuovo inizio’.

^Carta Ashbless

Si dice che il mazzo Ashbless fece furore in Europa. Ma sono in pochi a ricordarlo oggi. La ragione è che la casata degli Ashbless perse il suo potere durante alcune lotte nobiliari, subendo così l’orribile onta di essere cancellata dalla storia. Conseguentemente, anche il mazzo Ashbless e la carta dello Smeraldo furono dimenticati.
Ma come per ogni leggenda che si rispetti, ci fu una cosa, una piccola cosa che si trascina dietro l’intero racconto, che non venne rimossa e rimane ancor’oggi.

La storia d’amore, e la storia di Ashbless tornarono in vita di nuovo. Parlerò di questa storia nel prossimo post.

Originale:https://m.blog.naver.com/testesso
Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia | @btsitalia_twt
Preghiamo di prendere solo con i crediti.