Crea sito

BTS vincitori ai BBMA: 5 cose che dovresti sapere del fenomeno K-Pop

La boy band  ha battuto Justin Bieber, Selena Gomez e Shawn Medes per il Top Social Artist

By Jeff Benjamin

Scopri i BTS, vincitori ai Billboard Music Awards, un gruppo K-pop maschile con un enorme seguito sui social network. 

Ai Billboard Music Awards di Domenica, i candidati per il Top Social Artist includevano quattro nomi che non avevano bisogno di presentazioni: Justin Bieber, Selena Gomez, Ariana Grande e Shawn Mendes. Nessuno di loro peró è tornato a casa con la statua – il gruppo K-pop dei BTS ha invece accettato con entusiasmo il premio. I sette Coreani, Rap Monster, Jimin, Suga, J-Hope, Jin, V e Jungkook, hanno debuttato la scorsa notte sul red-carpet americano, ma la loro vittoria ai BBMA non è stata il loro traguardo piú importante. Scopri perché sono il fenomeno del momento sui social network e perché sono il gruppo pop internazionale giusto da seguire. 

1. I BTS scrivono e producono K-pop socialmente consapevole.

Dando un’occhiata a Psy ci si rende conto che il K-pop tende a concentrarsi sulla creazione di tracce accattivanti con un occhio verso la corrente occidentale. I BTS (acronimo per il termine coreano “Bangtan Sonyeondan” o in inglese “boy-scout a prova di proiettili”) invece risaltano come un’anomalia tra i loro colleghi. Mentre gli altri gruppi K-pop si concentrano su canzoni che riguardano cuori spezzati o far feste, i BTS sono entrati in sintonia con il pubblico toccando argomenti come la salute mentale (Whalien 52″, che affronta la solitudine, traccia dell’album del 2015), la politica (“Change”, collaborazione di Rap Monster con Wale) e perfino il potere femminile (” 21st Century Girl”, che è stata eseguita sulla televisione Coreana). I membri inoltre hanno scritto molte delle loro canzoni, assumendo sempre più il ruolo di produttore con versioni successive – anche questa una rarità nel K-pop. Rap Monster, Suga e J-Hope hanno scritto e prodotto interamete il singolo “Save Me” del 2016. 

2. Biglietti sold out per il tour americano.

Prima di quest’anno, i BTS si erano esibiti in piccoli teatri in due diversi tour negli States. Il loro ‘BTS Live Trilogy Episodie III: The Wings Tour’ del 2017 ha visto invece il tutto esaurito degli stadi americani. Il tour negli USA prevedeva originariamente solo tre spettacoli al Prudential Centre di Newark, all’Allstate Arena di Chicago e all’Honda Center di Anaheim. Ma dopo che i biglietti sono esauriti in pochi minuti, sono state aggiunte ulteriori due date a Newark e Anaheim.

3. I BTS sono dei “mostri” per quanto riguarda le vendite in tutto il mondo. 

Mentre i BTS sono un colosso commerciale nella loro nativa Corea del Sud, con il loro album ‘Wings’ che è stato l’album più venduto della Corea durante il 2016, le loro vendite sono forti anche in territori in cui i fan non parlano la loro lingua. Wings, nella sua prima settimanaha venduto 16.000 copie e ha raggiunto il 26° posto della Billboard 200, rendendolo l’album K-pop più alto in classifica e più venduto in America fino ad oggi. L’album ha inoltre debuttato al 62° posto della classifica degli album U.K. e la versione giapponese recentemente pubblicata del loro album Blood Sweat & Tears ha superato la classifica Japan Hot 100 con più di 200.000 copie vendute. 

4 – Ogni probabilità era contro di loro.

I BTS sono nati nel 2013 dalla BigHit Entertainment, una casa discografica coreana relativamente piccola, e per lo più sconosciuta, fino a quando i BTS non hanno debuttato nel 2015 con ‘I Need U’, il loro primo successo Top 10 nel loro paese. Quando cantanti K-pop come Psy, CL, Wonder Girls, BIGBANG e Girls Generation hanno raggiunto il successo americano, questi provenivano da agenzie grandi come SM Entertainment, YG Entertainment e JYP Entertainment, le quali avevano anni di successi alle loro spalle. 

5. Il seguito di followers che hanno sui social network non è uno scherzo.

Cosa insolita ma  nessun membro dei BTS ha un account personale. Questa strategia ha peró portato a numeri enormi per i loro account di gruppo su Twitter (dove 5,9 milioni di followers attualmente vedono i membri che postano messaggi personali, foto e playlist musicali), Facebook (4,3 milioni ), YouTube (3,9 milioni), Instagram (3,6 milioni), piú ulteriori 5 milioni sulla popolare V App Coreana, dove gli artisti fanno trasmissioni in diretta durante le quali i fan di tutto il mondo possono chiacchierare con il gruppo. Il loro successo sui social media li ha visti trascorrere, finora, 31 settimane al Numero Uno della classifica Social 50 di Billboard, una classifica mondiale degli artisti più popolari tra le piattaforme online, un’impresa che sicuramente ha aperto la strada per la vittoria di ieri sera. 

Fonte: RollingStone

Traduzione Italiana a cura di @unnie per Bangtan Sonyeondan – BTS Italia | @btsitalia_twt
Per favore prendere con tutti i crediti.