Crea sito

Il mondo di *WINGS*

Il concept di <WINGS> è stato deciso allora.

La fine del video musicale di Fire, “BOY MEETS WHAT”.

Il cursore lampeggiante dopo “BOY MEETS” alla fine del video musicale di Save Me.

La storia dei BTS era già stata scritta a quel punto. E la cosa che il ragazzo incontrerà sarà il “BOY MEETS EVIL” di <WINGS>, o in altre parole le crepe del mondo e le varie tentazioni. All’incirca nel mezzo della serie di HYYH, è iniziata la creazione del piano di <WINGS>, in un momento in cui i ragazzi hanno dato una scorsa alle emozioni provate durante il periodo da loro chiamato “The Most Beautiful Moment In Life”.

Dopodiché, il produttore Bang Si Hyuk ha trovato la grafica, <la spirale: i legami della ragione>, e l’abbozzo ha iniziato poco a poco a prendere forma. <La spirale: i legami della ragione> è come un semplice giallo, ma alla fine il protagonista cade nella disperazione più ultima, anzi, in un’oscurità ancora più profonda diquesta. Ciononostante, egli dice che va bene così, perché è stato lui a scegliere tutto quel dolore. Ed era arrivato anche il turno dei BTS di raccontare le loro storie riguardo alle scelte e al dolore che un ragazzo incontra lungo il suo processo di crescita e formazione.

 

I suggerimenti ottenuti da questa grafica, che si sovrapponevano alle storie che i BTS avevano raccontato fino a quel momento, hanno portato all’espansione dei concetti di adulto, anti-adulto e non-adulto. Gli “anti-adulti” credono che il mondo degli adulti sia pieno di malvagità e perciò sono persone che attivamente si rifiutano di crescere e proclamano di voler rimanere degli eterni Peter Pan. Dall’altra parte, ci sono i “non-adulti”, che si rendono conto già in giovane età del fatto che la vita sia squallida e meschina, ma si dirigono verso il crocevia degli adulti e non riescono a fermarsi, come se ci fosse qualcuno a spingerli da dietro. Alla fine, essi non possono diventare ‘adulti’ in senso completo, ed è questo il concept che sta dietro ai BTS che cantano Forever We are Young, dato che sono giunti alla fine della serie di HYYH.

Guardando indietro, partendo dalla “trilogia scolastica” del 2013 (*la trilogia comprende i primi tre album dei BTS, 2 Cool 4 Skool, O!RUL8,2? e Skool Luv Affair), la storia dei BTS, che continua in <WINGS>, è in fin dei conti la storia di come, con cosa e perché un ragazzo continua a vivere, ed è un enorme percorso che ha come scopo quello di arrivare ad una conclusione. Durante la trilogia, i BTS erano dei ragazzini che non accettavano di essere domati dalle regole del mondo. Urlavano “Ehi tu, qual è il tuo sogno?”, e sgridavano coloro i quali non si preoccupavano abbastanza del futuro, le scuole che sottolineavano un unico modo di pensare e degli obiettivi unici nella vita, e tutti gli adulti. Ciò che ci hanno fatto sentire nel loro album di debutto <2 Cool 4 Skool> e successivamente in <O!RUL8,2?> sono le voci di ragazzi giovani ma che allo stesso tempo vogliono trovare la loro strada. Mano a mano che questa energia giovanile sfocia in <Skool Luv Affair> e in <Dark & Wild>, ci hanno anche mostrato la concitata, determinata e immatura faccia della giovinezza che cerca temerariamente di ottenere amore. Le cose che i ragazzi vogliono sentire più di ogni altra cosa, ma che non sono state dette da nessuno per molto tempo, sono condivise con estrema sincerità nella trilogia.

Ad un certo punto però, questi ragazzi, che hanno proseguito senza difficoltà e con una intensità che avrebbe potuto distruggere il mondo, sono diventatati degli erranti. Tutto questo è di una bellezza accecante perché è momentaneo, e brilla più meravigliosamente di qualunque altro momento, ma è al contempo un periodo difficile del “bellissimo momento della vita” perché non c’è modo di sapere qualcosa. In I Need U si sono aggrappati all’amore in maniera ossessiva, nonostante sapessero che avrebbero potuto farsi male, e in Run hanno cantato di come mai avrebbero smesso di amare pur avendo il presentimento di venire feriti. L’immagine stessa dei 7 membri dei BTS che corrono insieme, alla massima velocità, è la rappresentazione della giovinezza che, spontaneamente, butta i loro corpi contro l’ansia e la sofferenza. All’interno del recito chiamato ‘scuola’ e all’interno del mondo, in cui hanno messo piede per la prima volta, loro sono ragazzi che hanno fatto domande al mondo, sono corsi via dallo stampo prestabilito e hanno scelto alla fine di soffrire.

E finalmente, <Demian> e <WINGS>. Il libro contenente la storia dei “due mondi”, dell’ “uccello che cerca di uscire dall’uovo” e di “Giacobbe che combatte contro Dio”, mostra entrambi i mondi vissuti fino a quel momento dai BTS, e il loro processo verso l’età adulta. I sogni e le tentazioni (il male), come fossero dei desideri segreti, lasciano un graffio sulla tranquilla, dipendente e morale infanzia, e i ragazzi comprendono quali malvagità racchiuda la realtà. Incontrano il male ediventano consapevoli di loro stessi, essendo testimoni delle loro identità separate. La ragione per cui i temi più importanti di <WINGS> sono la tentazione e il conflitto è dovuta a questo. Proprio come hanno rifiutato le regole della scuola e gli adulti nella trilogia, e come hanno corso in avanti nonostante sapessero di poterne rimanere feriti nella serie di HYYH, ancora una volta, i BTS aprono la porta che sbuca davanti alla tentazione, anche se sanno che potrebbe essere pericoloso. Iniziando con la domanda “Cosa incontra il ragazzo?” (BOY MEETS WHAT), la storia di <WINGS> ha inizio.

 

 

Traduzione Coreano-Inglese @ctrlbeat.

Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere con crediti.