Crea sito

RM e Suga parlano di salute mentale, depressione e della connessione coi fan

Diventare una pop star potrebbe sembrare il lavoro dei sogni, ma coloro che ci riescono lottano con molte delle realtà con la quale lottano tutte le persone comuni.

La missione dei BTS, gli artisti che compaiono sulla copertina di Entertainment Weekly di questa settimana, è proprio quella di portare alla luce tutti quei sentimenti che ognuno di noi prova almeno una volta nella vita: tristezza, solitudine, bassa autostima. Tali messaggi vengono trasmessi sia tramite i testi delle loro canzoni, che tramite i progetti che sostengono come, ad esempio, le loro campagne in collaborazione con UNICEF, Love Myself (che hanno presentato al summit sulla gioventù delle Nazioni Unite lo scorso settembre) e #EndViolence.

Durante una recente intervista rilasciata ad EW, i BTS si sono riuniti nella sede principale della loro etichetta, la BigHit Entertainment, per parlare dei temi più disparati (la loro esperienza ai Grammys, le loro passioni segrete, perché adorano John Cena), parlando anche di salute mentale, tema che li ha riportati alla serietà.

Quando è stato chiesto loro se trovassero più difficile esprimere i loro problemi tramite i loro social e i loro testi ora che sono delle celebrità, Suga è stato molto chiaro: “Crediamo che coloro che hanno la possibilità di parlare di questi problemi, dovrebbero parlarne di più.  Si dice che la depressione sia qualcosa che capisci di avere solo dopo che ti viene diagnosticata all’ospedale, ma non puoi davvero capirlo finché non è un medico a dirtelo.

Quindi credo che, non solo noi, ma anche altre celebrità” continua “se parlassero più apertamente – se parlassero di depressione come si parla di un comune raffreddore, allora questa verrebbe vista sempre più come un problema comune, come il raffreddore. Credo che gli artisti e le celebrità che hanno molta influenza debbano parlare di questi problemi, così da portarli alla luce.

 

RM, poi, continua “Questo è il motivo per cui il nostro concept è Love Yourself. Il messaggio ‘Non fate questo! Non fate quello!’ non è quello che vogliamo mandare. Prendiamo, per esempio, Anna da New York o Marc da Rio, o me e te: tutti noi abbiamo tratti differenti, etnie differenti, genitori e background differenti, viviamo con climi differenti, qualsiasi cosa. Tutto è differente…

Siamo nati con vite differenti” continua, “e alcune cose (nelle nostre vite) non possono essere cambiate. Per questo crediamo che l’amore, nel vero senso della parola, parte dall’amare noi stessi, accettando quei destini e quelle ironie della vita che ci appartengono sin dall’inizio. Sono cose che non possiamo decidere da noi, ed è per questo che siamo impegnati nel (diffondere il messaggio di) ‘Love yourself’, ed è per questo che ho iniziato il nostro discorso alle Nazioni Unite con ‘sono solo un normale ragazzo di una città vicina a Seoul’.

 

Per i BTS, la musica è anche un messaggio dal duplice scopo “La nostra più grande influenza” dice Suga, “e da dove traiamo la nostra forza, il nostro conforto e la nostra gioia sono i nostri fan. È quello che abbiamo in mente ogni volta che facciamo musica, e credo che anche i nostri fan siano in grado di trarre la stessa forza e gioia (da noi).

 

Fonte: Entertainment Weekly
Traduzione italiana a cura di BTS Italia (Bea)
Prendere solo con crediti.