Crea sito

Come i BTS hanno guadagnato oltre mezzo milione di fan online e nella vita reale per il progetto digitale ARMYPEDIA

BTS ai 28th Seoul Music Awards (Foto di Lee Young-ho/Sipa USA)

I BTS sono alcuni tra i più grandi artisti del pianeta, senza dubbio in parte grazie al supporto costante del loro fanbase, gli ARMY. Come notato, per anni, dai follower della boyband sudcoreana, anche quando i ragazzi non riescono ad incontrare i loro fan di persona, c’è sempre un canale di comunicazione tra le due parti, costituito sia dai social media che dal rilascio inaspettato di nuova musica. Ma questa relazione ha raggiunto un traguardo speciale quest’anno con il lancio di ARMYPEDIA.

Immaginata come una campagna per consentire ai BTS e ai fan di guardare insieme i tempi andati prima della nuova musica nel 2019, ARMYPEDIA è stato lanciato come un progetto di memoria digitale unico nel suo genere per archiviare i 2.080 giorni insieme della band e del fandom. Lanciata il 22 febbraio e conclusa il 24 marzo, la campagna ARMYPEDIA e il suo sito web non sono stati creati solo come un mezzo celebrativo per i traguardi raggiunti –esser diventati la più grande boyband del mondo e alcuni tra gli artisti con le maggiori vendite a livello globale- ma anche per parlare di come e dove tutto è iniziato. Una combinazione della parola ARMY (il nome ufficiale del fandom di BTS) e Wikipedia (una parola ormai sinonimo di archiviazione digitale), ARMYPEDIA è il database organizzato per i follower, indipendentemente da quando sono diventati ARMY, popolato dai ricordi sulla band, sulla loro musica, sui loro messaggi e così via.

Alla fine della campagna durata un mese, 540.000 fan hanno partecipato al progetto che includeva la ricerca e la scansione di codici QR trovati su Internet e in luoghi del mondo reale, per accedere a giorni specifici e lasciare ricordi personali nell’archivio- Ad esempio: 12 novembre 2017, giorno in cui Suga ha tenuto una trasmissione live e molti utenti hanno lasciato i loro ricordi inerenti alla stessa ed altri pensieri su quel giorno. ARMYPEDIA vanta anche degli incontri reali tra i fan (tra cui 10.000 persone riunite a Seoul) e nuovi contenuti registrati dai ragazzi (tra cui uno speciale talk show con protagonisti Suga, RM, Jin, J-Hope, Jimin, V e Jungkook).


La BigHit Entertainment ha condiviso idee e riflessioni esclusive con Forbes sul progetto. “Fin dall’inizio, volevamo creare una campagna possibile solo in questo momento per i BTS e per tutti gli ARMY nel mondo”, spiega l’agenzia, dando un’idea del motivo per cui il progetto si è concluso meno di un mese prima del rilascio del prossimo album dei BTS “Map of the Soul: Persona”, il 12 aprile.

Uno dei punti principali dell’appello internazionale dei BTS – e una parte fondamentale dello scopo di ARMYPEDIA, secondo la BigHit – è l’utilizzo del gruppo di temi profondi nella loro musica sin dal primo giorno. Dai discorsi sul bullismo e sulla dura vita scolastica nel loro album di debutto “2 Cool 4 Skool”, fino all’affrontare, nella loro musica di oggi, argomenti come la salute mentale, la politica e le lotte della nuova generazione; i BTS hanno un costante linea di messaggi commoventi. Un progetto come ARMYPEDIA sembra voler sottolineare proprio questo a coloro che si sono uniti agli ARMY negli ultimi due o tre anni di successo della band.

Ma le reazioni sincere degli ARMY e le connessioni con il messaggio dei BTS hanno agito come un fattore chiave nel lancio di ARMYPEDIA. I BTS hanno parlato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre, il leader RM ha enfatizzato il concetto di “Fatevi sentire” (Speak Yourself), considerato da molti come il passo successivo del tema “Ama te stesso” (Love Yourself) degli ultimi tre album. Quando i fan hanno iniziato a prendere a cuore quel messaggio ed hanno iniziato a parlare maggiormente su Twitter delle loro identità, esperienze e connessione al fandom, l’idea per ARMYPEDIA e per uno spazio dedicato al documentare i ricordi dei fan è diventata più chiara che mai.

Non avremmo potuto arrivare fino a questo punto senza il grande amore e sostegno dei nostri ARMY.“, dicono i BTS a Forbes, in una dichiarazione esclusiva dopo la conclusione della campagna. “Attraverso ARMYPEDIA, siamo stati in grado di conoscervi un po’ meglio- e vogliamo continuare a conoscere i nostri ARMY sempre di più.” La BigHit cita il genuino sostegno dei membri, indicando anche una live in cui Jin e Suga hanno parlato del progetto.

Dal punto di vista commerciale, ARMYPEDIA è stata anche una mossa astuta per commercializzare il marchio BigHit. I partecipanti più attivi nell’archiviazione sono stati premiati in punti utilizzabili nel negozio online del BigHit Shop, creando così l’opportunità di avere più prodotti dei BTS, e quindi un supporto aggiuntivo per il prossimo album della band, o anche la possibilità di supportare un altro artista della BigHit. Dopo essersi registrati su ARMYPEDIA, gli utenti non erano obbligati, ma potevano anche optare per iscriversi ad una newsletter, un modo fondamentale per i marchi di rimanere in contatto con il loro pubblico.

 

E proprio come gli ARMY, le grandi aziende erano felici di prendere parte ad ARMYPEDIA ed attirare più partecipanti. La BigHit ha collaborato con Hyundai (i BTS sono infatti i rappresentanti per la Palisade, modello della casa automobilistica sudcoreana), Korea Yakult (lo scorso anno è stata lanciata una speciale bevanda a base di yogurt in collaborazione con i BTS), Hot Topic Spotify, LINE Friends e altro, per aiutare a fornire i codici QR digitali e reali ai fan. I risultati si sono dimostrati vantaggiosi per entrambe le parti, con la BigHit che ha citato le società che hanno contribuito ad ampliare la portata della loro campagna, incluso l’inserimento di codici QR su cartelloni pubblicitari, nascosti tra negozi di abbigliamento e all’interno di popolari playlist, mentre i marchi hanno potuto espandere la propria relazione con gli ARMY- a.k.a l’impegnatissima fanbase la cui attività online ha mantenuto i BTS al numero 1 della classifica Social 50 di Billboard per quasi due anni.

La BigHit descrive questi discorsi come portatori di “sincera eccitazione” da parte di tutti i soggetti coinvolti. Quindi, come proseguirà il concept di ARMYPEDIA? La BigHit non è sicura se lancerà una seconda parte per i BTS o se creerà servizi simili per gli altri artisti della loro etichetta, come la nuova band Tomorrow X Together. La BigHit, invece, la vede come una risorsa legittima e che trae fonte dai fan, che si addentra in cosa vuol dire essere parte degli ARMY dei BTS.

Ogni giorno, gli ARMY si divertono e creano dei ricordi proprio sull’essere ARMY.“, riflette la compagnia.
Pensiamo sia significativo il fatto di avere un archivio in cui chiunque possa trovare una qualsiasi storia sui BTS e gli ARMY.” Con i BTS che si imbarcano nel prossimo capitolo delle loro carriere con il nuovo attesissimo album, una componente chiave di quel prossimo capitolo saranno indubbiamente gli ARMY. ARMYPEDIA ora si presenta come un sincero album dei ritagli, completo di ciò che i BTS e centinaia di migliaia di ARMY hanno condiviso, così come una promessa di creare e condividere ancora di più in futuro.

 

Fonte: Forbes
Traduzione italiana a cura di BTS Italia (Naive~)
Prendere solo con crediti.

I BTS spiegano il concept dietro all’album ‘Love Yourself: Her’: “Questo è l’inizio del nostro secondo capitolo.”

Dal significato di “Go Go” al motivo per cui il gruppo deve esibire la sua vittoria ai BBMA, Rap Monster dei BTS ci spiega tutto.

Poche ore prima del rilascio di ‘Love Yourself: Her’ dei BTS, l’importanza dell’album è ben chiara al leader del gruppo, Rap Monster.

E’ un grande passo, enorme per noi” spiega il ventitreenne rapper/cantautore/produttore durante una telefonata da Seoul.

Ovvio, ogni membro è incredibilmente emozionato per l’album. Abbiamo provato fino a poco fa, giorno e notte, per presentare nuove canzoni e delle esibizioni perfezionate. Ho lasciato un messaggio sul nostro fancafé, l’altro giorno, dopo che avevamo finito, dicendo che ‘Questo EP segnerà il punto di svolta dei BTS’ e anche se l’attesa per questo album sembrava infinita – credo che sia stato quell’evento, i BBMAs, a maggio – è successo così tanto.”

L’attesa è stata particolarmente impaziente per la notoriamente affezionata fanbase del gruppo, gli ARMY, che hanno aspettato le nuove tracce di RM, Jimin, Suga, J-Hope, Jin, V and Jungkook dopo averli votati come Top Social Artist ai Billboard Music Award 2017 preferendoli a mostri sacri del pop come Justin Bieber, Ariana Grande, Selena Gomez e Shawn Mendes
Da allora, i membri hanno chiuso accordi per la distribuzione con Amazon e lo statunitense The Orchard (“Pensiamo che l’album fisico conti ancora qualcosa, e sia davvero importante per creare un collegamento con i nostri fan attorno al mondo” ha detto Rap Monster) e si sono accompagnati a stelle delle classifiche mondiali come Major Lazer, Halsey, Charli XCX (“Probabilmente è solo il mio sesto senso, ma credo che forse collaboreremo con altri artisti ancora più interessanti” continua) ed hanno perfino strappato ai The Chainsmokers la produzione per una traccia di Love Yourself: Her.

Quando si ascolta il disco, ben confezionato – che promette di fare un ottima entrata nei Billboard 200 la prossima settimana – la passione è palpabile, dall’intenso singolo di debutto “DNA” alla critica sociale di “Go Go”, tra molteplici testi e momenti che sembrano strappati al diario persionale dei membri. Anche la voce di Rap Monster è carica di emozione mentre parla di queste nuove canzoni, mentre visualizza e immagina disegni più grandi e messaggi più profondi per la nuova serie di lungimiranti tracce EDM, hip-hop e pop.

Continua a leggere per un’analisi più profonda di Love Yourself: Her da parte di Billboard in compagnia di Rap Monster.

Cominciamo dall’inizio con “Serendipity”. Perchè la scelta è caduta su questa canzone come introduzione e partenza della nuova era?

Quando scrissi i testi, le melodie e i primi temi di “Serendipity”, provai a immaginarmi cose rare che trovi nella vita, cose molto speciali, come il calico, il gatto tricolore; cose che abbiano un significato straordinario nella vita delle persone. Volevo condividere questi momenti.

 
Leggevo che i testi sono declinati al genere neutro, fatto che penso sia molto potente. E’ stata una decisione intenzionale?

I testi sono basati su cose rare e speciali nella vita. Per cui ho pensato che questi particolari trascendano sesso, cultura e barriere tra le persone. Noi facciamo sempre uscire l’”Intro” appena prima del singolo, per cui l’intro ha il ruolo di spiegare il concept di questo album. “Serendipity” è stata la canzone giusta per condividere il sentimento base di “DNA”. Il titolo riguarda come il nostro “DNA” sia collegato all’intero universo, credo sia adatta a rappresentare questo album.

Parliamo di “DNA”. Questo singolo, come continua e fa progredire la storia dei BTS?

Quando parliamo della traccia di apertura “DNA”, parliamo di un amore giovane e appassionato. I testi sono tipo “Noi due siamo connessi dal destino fin dal principio, il nostro DNA era una cosa sola.” Allo stesso tempo, “DNA” accompagna i BTS in un territorio sconosciuto. Abbiamo cercato di applicare una nuova grammatica e prospettive – se ascolti la canzone, capirai cosa cerco di spiegare – è molto diversa dalla nostra musica precedente, sul piano tecnico e musicale. Credo che sarà il punto di partenza di un secondo capitolo della nostra carriera; l’inizio del nostro Capitolo Due.

 

Best of Me” è davvero strabiliante. Ha il gusto dei The Chainsmokers, ma anche quello dei BTS. Non avete rinnegato voi stessi, il che non è facile quando si collabora con nuovi artisti. Com’è stato il processo?

Io adoro quel brano! Ci siamo conosciuti ai BBMAs, siamo stati davvero fortunati. In realtà ci hanno invitato al loro concerto giusto l’altro giorno – tenevano un enorme concerto in Corea e abbiamo cantato “Closer” insieme. Per “Best of Me” ci hanno mandato diverse tracce e campionature mesi fa, noi e i nostri produttori ne abbiamo scelto uno, tipo, “Okay, questo è adatto al nostro nuovo album.” Quindi ci abbiamo lavorato, gliel’abbiamo rimandato, chiedendo loro cosa ne pensassero del brano che ne avevamo ricavato e abbiamo ascoltato le loro opinioni. E ce l’abbiamo fatta! Sono così eccitato per questo. [Ride]

 

I vostri album hanno sempre di fondo una critica sociale e societaria. Parliamo di alcuni degli argomenti di questa pubblicazione. Mi viene subito in mente “Go Go”.

Go Go” è una canzone trendy, ma parla di come la nostra generazione di giovani stia vivendo una vita con poche aspettative e standard bassi, per cui le persone sono arrabbiate con la realtà; hanno poca speranza, e ci sono molte difficoltà finanziarie. Volevamo dire qualcosa a riguardo e sottolineare al mondo che non è una scelta della gente, ma la cruda realtà che obbliga le persone a vivere e spendere come se non ci fosse un domani.

Ma in Corea, “YOLO” è diventata una parola chiave per i giovani perchè non hanno soldi, ed è difficile avere l’occasione di guadagnare tanto. Credo la società porti molti problemi ai ragazzi. I giovani spendono i loro soldi nelle sale giochi, nelle macchinette col gancio, e spendono tipo $30 cercando di vincere dei pupazzi. E poi ti dicono “Oh! Ho speso tutti i miei soldi…m***a. Ma non me ne pento.” Questo è il lusso maggiore per i ragazzi coreani: collezionare accessori, cosmetici, questo è ciò che considerano un lusso. E’ “YOLO” perchè, tipo “Comprerò tutte queste cose! Comprerò tutto questo cibo e me lo mangerò! Lo farò!” Secondo me è triste, perchè è tutto ciò che hanno. “Go Go” sta solo dicendo “Okay, fallo e basta, non ce ne pentiremo. Spendi un po’ di soldi al distributore di snack e mangiali!”. Ma allo stesso tempo la canzone è molto orecchiabile e semplice da cantare, per cui penso che piacerà a molti, specialmente se ne trovano il significato più profondo.

 

Ovviamente ti devo chiedere come vi è venuto in mente di fare uno skit con il tuo discorso di accettazione del premio ai BBMAs

Devi ascoltare “MIC Drop” perchè lo skit era il mio discorso ai BBMAs – perchè quello è stato un grande momento per il nostro percorso – e poi ci mettiamo “MIC Drop” vicino perchè fa tipo da esibizione – tipo, “Okay, ne abbiamo abbastanza. Dobbiamo fregarcene di tutto” Era lo skit giusto e consecutivamente la canzone giusta per questo album.

 

L’ultima canzone, “Outro: Her” mi ha davvero toccato profondamente. E’ come leggere un diario. Ha! [Ride] Dopo aver parlato con te, sembra che faccia un riassunto dell’intero album, ed è davvero introspettiva.

Credo sia il lavoro più veloce che io abbia fatto per questo album. Ho scritto i versi in 20 minuti; è venuta da sola, con sincerità, dal profondo del mio cuore. Ho pensato che fosse la giusta outro per l’album perchè porta un largo ventaglio di emozioni – dico che ho incontrato questa persona che amo molto, questa persona è l’amore della mia vita in questo momento, sto dicendo che ero confuso e cercavo amore e che il mondo è difficile. Ma penso che sia tu per cui “Ti chiamo ‘lei,’ perchè sei la mia lacrima”. “ Penso che tu sia il mio inizio e la mia fine.” Questo è ciò che sto dicendo: sei la mia curiosità, ma anche le mie risposte. Sei la mia “lei”, ma resti comunque “una lacrima”. Il motivo dice che l’amore non è solo felicità, non è solo gioia, non sono solo delizie. Se vuoi amare una persona devi sapere che ci sono anche lacrime in tutto questo, odio addirittura. Penso davvero che l’amore includa tutto questo. Questo è quello che cerco di dire. Che è complicato.

 

E se i fan sono così fortunati da possedere la copia fisica dell’album, ci troveranno due canzoni nascoste. Perchè tenerle segrete?

Penso siano state nascoste perchè devi essere un vero fan dei BTS per capirle. Sennò, non le capirai. Sennò sarai tipo “Perchè si sentono così confusi da tutto? Sono bravi?!? Sono i numeri uno in un posto X, possiedono un sacco di cose, che hanno da preoccuparsi?” La gente parla sempre così. Ma se sei un vero fan dei BTS e compri l’album e ascolti le tracce nascoste – se sei un Army, e abbiamo passato tempo assieme dal 2013, 2014 – allora puoi capire. È una cosa più speciale, più vicina alla nostra vera anima.

 

Articolo originale: Billboard.com

Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia | @btsitalia_twt
Preghiamo di prendere solo con i crediti.