Crea sito

Fotografia

Dalla “trilogia scolastica” alla serie ‘Hwa Yang Yeon Hwa’, le foto concept dei BTS sono da sempre riuscite a trasmettere visivamente le loro storie e i loro personaggi. Nella “trilogia scolastica” sfoggiavano delle uniformi dal look “stropicciato”, mentre nella serie ‘Hwa Yang Yeon Hwa’ sono apparsi in abiti dallo stile Mod, popolari nella Inghilterra degli anni ’60. La fotografia ha spiegato l’immagine e la crescita dei BTS – i ragazzi ribelli, i giovani erranti – attraverso un aspetto visivo. Ma il processo di visualizzazione del tema di <WINGS>, del diventare adulti e di affrontare la tentazione lungo la strada, si è rivelato leggermente più complicato. Come ha detto il produttore Bang SiHyuk, dato che la direzione di <WINGS> è stata ispirata dal <Demian>, il tema dell’unione tra bene e male, tra tentazione ed ego, è una concezione astratta. Senza fornire una spiegazione come guida e volendo rimanere fedeli alle storie che i BTS avevano fino a quel momento raccontato, esprimere chiaramente il significato del nuovo concept con poche foto ai fan, è stato senza dubbio difficile. Quindi le foto concept di <WINGS> sono nate come qualcosa di più astratto rispetto al lavoro precedente. Jimin guarda la macchina fotografica con le mele sparse tutt’intorno, Jungkook è sdraiato su un mucchio di piume, Rap Monster siede di fronte a vari specchi sovrapposti. Gli specchi gettano il riflesso di Rap Monster in mille direzioni. Questo intensifica le immagini astratte e multivalenti mostrate nei cortometraggi, nei quali Jimin mordeva la mela con un’espressione ambigua, un paio di ali formate da piume si alzavano dalle spalle di Jungkook. E come il titolo di “Reflection”, Rap Monster era perplesso di fronte al suo riflesso negli specchi.

A partire dall’indizio del <Demian>, la storia di <WINGS> è stata lentamente svelata dai cortometraggi individuali, che per questo motivo sono diventati trailer anticipatori delle foto concept. Il motivo dettagliato di <WINGS> è stato incorporato nei cortometraggi, e ogni simbolo individuale, impresso nelle menti degli spettatori tramite essi, è stato nuovamente riportato nelle foto concept. Per rendere questa trama possibile, una particolare attenzione è stata dedicata ai dettagli nei vari set fotografici, molto più che nei set normali. Il processo di visualizzazione della “tentazione” e l’aggiunta di elementi erotici sono stati particolarmente necessari al fine di rappresentare un mondo astratto come quello di <WINGS>. Le espressioni del volto e le pose dei membri dei BTS appaiono stanche ma misteriose allo stesso tempo, mentre gli outfit, affiancando il look del pigiama, un recente trend, all’esposizione parziale di determinate parti del corpo, per ricreare l’effetto vedo-non vedo, completano e portano al massimo la rappresentazione di un’immagine sexy e glamour. Riuscendo ad integrare l’erotismo nel quadro generale senza essere troppo esplicito, il look nudo unito a quello glam erano l’opzione più adatta a raffigurare il concept di <WINGS>.

“Man muss noch Caos in sich haben, um einen tanzenden Stern gebären zu können”. Questa frase appare scritta nelle foto concept di V. Significa che “bisogna avere il caos dentro di se’ per dare vita ad una stella danzante”, una citazione tratta da <Così Parlò Zarathustra> di Friedrich Nietzsche. Quello di cui gli oggetti di scena, gli abiti e addirittura la citazione non dimenticano mai di parlare per un attimo, è il concept di <WINGS> stesso.

Crediti foto: bts.ibighit.com

Traduzione coreano > inglese: © ktaebwi

Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Itailia | @btsitalia_twt. Per favore prendere con crediti.