Crea sito

[TRAD ITA] Intervista Weverse – SUGA

“Mi fa piacere ci siano ancora aree da esplorare nel mondo della musica”

SUGA ha un modo di esprimersi passionale che si accompagna a un’espressione impassibile del volto. È ricco di passione per la sua vita e la musica.
 
Come sta la tua spalla?
SUGA: Bene. Penso andrà ancora meglio quando rimuoverò il tutore. Sembra ci vorranno alcuni mesi per guarire completamente, ma sto cercando di rimettermi in forma il prima possibile.
 
Come ti senti ad aver risolto un problema che ti ha tormentato per così tanto tempo?
SUGA: In primis sollevato. Il dolore è una cosa, ma quando la spalla era peggiorata non riuscivo nemmeno più ad alzare il braccio. Quando mi hanno detto che se mi fossi operato troppo presto il problema si sarebbe potuto ripresentare, ho aspettato il momento giusto e ho deciso che mi sarei operato a inizio dell’anno nuovo, nonostante la situazione COVID-19. Avevo in programma di farlo dopo le esibizioni di fine anno, ma mi sono operato prima perché i dottori mi hanno suggerito di anticipare le promozioni e le attività dell’anno dopo.
 
Come ti senti ad assistere alle promozioni degli altri ragazzi?
SUGA: Non posso dire sia una bella cosa. Riuscivo a vedere che qualcosa mancava, siamo un gruppo di sette ormai da troppo tempo. Non parlo solo dell’assenza fisica, ma piuttosto di qualcosa che dovrebbe essere lì e che invece non c’è.
 
È questo che ti ha spinto a partecipare alle promozioni il più possibile? Hai girato molte delle riprese video in anticipo e sei persino apparso ai MAMA 2020 della Mnet tramite VR.
SUGA: Era un finto SUGA (Ride). Abbiamo girato il video in un particolare studio 3D. Lì ho girato e recitato la mia parte, mi hanno scannerizzato, ma in studio non sono riuscito a vedere il risultato finale. Ho pensato sarebbe stato impossibile che non risultasse un po’ un ripiego, ed è stato esattamente così (Ride). Ho fatto finta di nulla perché comunque sarebbe stato mandato in onda indipendentemente che fossi già stato operato o no, ma lo sembra ancora di più perché è stato mandato in onda dopo l’intervento.
 
Deve sembrarti un po’ limitante non poter salire sul palco.
SUGA: È che non è passato nemmeno un mese dalla mia operazione, ma la mia assenza sul palco si nota così tanto. Però i dottori continuano a ripetermi di non avere fretta, e infatti molti atleti devono subire una seconda operazione quando tornano in campo senza un’opportuna riabilitazione. Sto quindi lavorando sul cercare di prenderla meno male. Le prime due settimane dopo l’operazione ero così frustrato che ho provato cose totalmente nuove, ho persino visto dei film che non avevo mai visto prima.
 
 
Che film hai visto?
SUGA: Ho visto ‘Samjin Company English Class’ dato che lo avevano trasmesso su IPTV, e ora ho in lista ‘Tenet’. L’ultimo film che avevo visto al cinema era stato ‘Parasite’. Da quando il distanziamento sociale si è fatto più serrato, non sono mai uscito ad eccezione delle visite all’ospedale. Mangio anche a casa. In questi giorni sto guardando anche un sacco di TV. Guardare i programmi musicali come ‘Sing Again’, ‘Folk Us’ e ‘Show Me The Money 9’ mi ha dato un input su cosa fare in futuro.
 
Puoi spiegarti meglio?
SUGA: Molti dei concorrenti di ‘Sing Again’ hanno molto talento, ma non hanno ancora mai avuto un’opportunità, e in ‘Folk Us’ molti hanno portato la propria chitarra sul palco. Io ho iniziato a studiarla recentemente, e sto sentendo l’urgenza di ampliare i miei orizzonti musicali. E da quando il mio interesse per l’industria musicale americana si è accentuato, mi sto preparando, come studiando l’inglese e via dicendo.
 
Cos’è che ha alimentato il tuo interesse?
SUGA: Per certi versi, si tratta del mercato musicale più sviluppato, dal punto di vista commerciale. Se perdi di credibilità, potresti perdere improvvisamente anche l’interesse del mercato. In un sistema simile, provi di tutto, può essere una buona strategia. Voglio fare musica a lungo, e con questi estremi desidero sempre imparare di più sul panorama musicale mondiale, perché vorrei scrivere musica che sia amata non solo in Corea, ma anche negli Usa, in Giappone e in Europa.
 
A tal proposito, sembra che BE sia stato influenzato dalla musica del passato, piuttosto che dalle mode del momento.
SUGA: Mi piace soprattutto improvvisare, con la musica. Amo le canzoni che sono state composte di getto, piuttosto che quelle che sono state registrate più e più volte. In quest’era di crossover musicali, è nato in me il desiderio di fare di meglio.
 
Da quando i generi si sono più amalgamati, deve aver assunto sempre più importanza la melodia da utilizzare. Iniziare a suonare la chitarra ti ha condizionato in qualche modo, da compositore?
SUGA: Ho sempre amato usare le sonorità della chitarra. E ho sempre amato i The Eagles. Se sai suonare la chitarra, è molto più facile scrivere musica, perché è uno strumento che ti puoi portare dietro ovunque vai, pizzicandone le corde per creare pezzi musicali. Le tastiere sono difficili da trasportare (Ride). Spesso lavoro dal mio pc, ma era da un po’ che pensavo avessi necessità di uno strumento. Velocizza il lavoro e migliora la mia conoscenza degli accordi.
 
Deduco permetta di creare una melodia più intuitivamente.
SUGA: È più facile creare una canzone, così, perché puoi migliorarla ad intuito e sperimentare. Mentre lavoravo ad ‘Eight’, IU mi ha inviato una canzone registrata da telefono. A quel tempo non sapevo ancora suonare la chitarra, ed ogni volta che ci aggiornavamo dei rispettivi progressi, ci assicuravamo di lavorare sulla stessa parte. È lì che ho capito di aver necessità di imparare uno strumento musicale.
 
 
Questa canzone risale in realtà a prima che tu iniziassi a suonare la chitarra, ma trovo ‘Telepathy’ di BE molto interessante. La melodia continua a cambiare tra un ritornello e l’altro, ad ogni membro; hai scritto ogni parte di getto?
SUGA: Ho suonato le prime note a inizio del 2020, e mentre mi rendevo conto di quanto fosse divertente la musica, mi si stavano aprendo contemporaneamente tantissime porte. Quindi è stato piuttosto semplice lavorarci su. Ho semplicemente suonato una base e iniziato da subito a scrivere, fino alla fine. Fatto. L’ho scritta in soli 30 minuti. La canzone si è quasi scritta da sé. Le ultime tendenze nel panorama pop e hip-hop sorpassano le distinzioni tra canto e rap. Mi piace come cosa.
 
Quando ti sento cantare, sembra che tu stia scandendo la base, piuttosto che seguire le note. Ho pensato quindi che canti come se stessi rappando.
SUGA: Quando fai rap pensi solo al ritmo, è come mettere una melodia su una base ritmata. Dovessi dire cosa viene prima, credo che sia la melodia a seguire la scrittura della strofa rap.
 
In ‘Life Goes On’, il verso ‘Per fortuna tra di noi nulla è cambiato” si colloca a metà strada: non è rap, ma sarebbe riduttivo definirla una semplice melodia.
SUGA: Ovviamente ci sono canzoni in cui il rap deve essere valorizzato. Ad esempio in ‘Dis-ease’ o ‘Ugh!’ devi saper rappare. Ma in quelle canzoni che devono essere semplici all’ascolto, il rap pesante non è sempre la strada giusta. A volte si vuole ottenere un passaggio dolce, senza ostacoli.
 
In questo senso, il flusso rap di “Blue & Grey” è stato impressionante. Piuttosto che cercare di ottenere un effetto drammatico che enfatizzasse ogni parte, hai rallentato il rap in modo da armonizzarlo con il ritmo della canzone.
SUGA: Ad essere onesti, è difficile rappare seguendo questo ritmo. L’inizio della canzone ha solo una linea di chitarra, il che lo ha reso ancora più difficile. Ho partecipato al testo di “Blue & Grey” e ho sempre voluto lavorare su una canzone come questa. Perché il primo verso parla del tema stesso della canzone.
 
Sembra che tu abbia realizzato quasi tutto ciò che volevi in BE.
SUGA: Penso che ci sia voluta meno di una settimana per lavorare alla mia parte nell’album. Dopo aver scritto una o due melodie per “Life Goes On”, ho scritto una versione completa con anche la parte rap e mi è piaciuto lavorare separatamente all’arrangiamento e poi al testo. Piuttosto che scervellarmi sui modi diversi in cui avrebbe potuto funzionare, ho scelto semplicemente di suonare e scrivere.
 
Molti autori non sono sicuri dello loro capacità nemmeno dopo aver prodotto dei buoni lavori. Cos’è che ti motiva a pubblicare il tuo lavoro?
SUGA: Molti musicisti non sono sicuri se pubblicare o meno la loro musica. È stato lo stesso per me, ma il fatto è che non rilascerai mai nulla se cerchi il pelo nell’uovo. Ad esempio, se pubblichiamo 10 canzoni, abbiamo poi la possibilità di “svelarle” ai fan durante i concerti o altri eventi organizzati per loro. E a volte, mentre ascoltiamo una canzone, pensiamo, “Perché questa parte che mi aveva infastidito non mi infastidisce più?” Alcune cose potrebbero sembrare imbarazzanti ad un certo punto, ma poi col tempo non lo sembrano più. Anche io me ne dimentico. Quindi è più efficiente provare e fare musica, guardando il quadro generale, piuttosto che pensare troppo ai dettagli. Inoltre, durante le promozioni, non ho il tempo di selezionare le tracce che altri mi hanno inviato. Sarebbe un successo per tutti se ognuno di noi suonasse e scrivesse singolarmente nel proprio tempo libero e poi collaborasse con gli altri sui dettagli. Quindi il modo di scrivere canzoni si è evoluto sotto molti punti di vista.
 
Cosa ti ha spinto verso una tale evoluzione?
SUGA: Penso che la cosa si sia evoluta naturalmente. Alcuni aspetti della mia personalità sono cambiati nel corso di quest’anno (2020), anche in termini di interpretazione e atteggiamento nei confronti della vita, al punto che a volte quasi pensavo stessimo facendo le prove (N.d.T. sul palco, mentre si esibivano senza pubblico). Come mi sarei sentito se non ci fosse più stato alcun palcoscenico su cui salire o alcun pubblico a guardarmi? Questo pensiero mi ha fatto capire il valore di queste cose.
 
In “Dis-ease” canti “Non so se è il mondo che è malato”. È stato questo stile di vita che ha cambiato i pensieri sul tuo lavoro?
SUGA: Sì. Quando ero giovane, avevo abbracciato la convinzione che “Deve essere colpa mia”, ma quando sono diventato più grande ho capito che non è sempre vero. La maggior parte di ciò che credevo fosse colpa mia in realtà non lo era. D’altra parte, ci sono cose che ho fatto bene e occasioni in cui sono stato fortunato.
 
‘I NEED U’ è uscita in un periodo in cui stavi ancora pensando “Deve essere colpa mia”. Dopo che i membri si sono esibiti sul palco con ‘I NEED U’ al “Song Festival” di KBS, hai scritto su Weverse: “È tutto come cinque anni fa”. Come ti confronteresti con allora? (Questa intervista si è tenuta il 19 dicembre 2020.)
SUGA: Siamo maturati un bel po’. E le nostre esibizioni sul palco sono diventate più naturali. Mi piace ancora ‘I NEED U’. Anche solo ascoltarne il beat mi rende sentimentale e, soprattutto, la canzone è venuta bene. Quindi, mentre guardavo questo e quello mi sono imbattuto in vecchi video. Guardarli mi ha fatto pensare che non siamo cambiati poi molto.
 
Sotto quali aspetti non sei cambiato?
SUGA: Prima che le misure sul distanziamento sociale diventassero più rigide, ho parlato con il fotografo per BE, ci siamo conosciuti quattro anni fa. Mi ha detto di essere sorpreso che non siamo cambiati così tanto dopo il successo, nonostante si aspettasse che fossimo molti diversi.
 
Sinceramente lo trovo stupefacente. Ho avuto la possibilità di conoscervi prima del vostro debutto, ma dalle tue parole, e da quelle degli altri membri, mi sembra non siate cambiati affatto.
SUGA: Penso che sia perché non diamo molto peso al successo. Per esempio, è incredibile arrivare primi nelle classifiche Billboard, ma allo stesso tempo rimani lì tipo “Okay, e quindi?”
 
Vale anche per i Grammy? (Ride)
SUGA: Quando siamo stati nominati ai Grammy abbiamo pensato: “È vero?” (ride). Certo che ne eravamo felici, ma non abbiamo pensato “Siamo cantanti nominati ai Grammy”. Se sei nominato, sei nominato, e se vinci il premio, hai vinto il premio. Non è una cosa sconvolgente. So che si tratta di un grande premio e sarebbe bellissimo riceverlo, ma sappiamo che nulla sarebbe possibile senza lo straordinario supporto dei fan. La cosa più importante è che i fan siano più felici di noi quando riceviamo un grande premio. Quindi siamo contenti, ma in realtà per noi è “Facciamo quello che dobbiamo fare”. Ci siamo abituati a continuare a cercare il nostro posto, quindi nessuno rimane emozionato a lungo.
 
In “Fly To My Room”, c’è una parte del testo che dice: “Questa stanza è troppo piccola per racchiudere i miei sogni”, e “Anche se a volte questa stanza diventa un secchio della spazzatura per emozioni, mi avvolge”. Ho avuto come la sensazione che per te la stanza rappresenti questo tipo di posto, e che tu abbia accettato di essere cambiato, ma ciò nonostante la tua essenza è rimasta la stessa.
SUGA: Non è stato facile accettare che alla fine siamo cambiati, ma penso che in fin dei conti sia una buona cosa. Ciò che abbiamo fatto in passato era possibile farlo solo in quel momento, e siamo potuti cambiare grazie a tutto quello che abbiamo ottenuto.
 
Allora, quali sono i tuoi nuovi sogni?
SUGA: Ho intenzione di continuare a fare musica. Dato che a causa del COVID-19, tutte le esibizioni sono state cancellate, ho avuto la possibilità di parlare con molti musicisti in Corea. Ho parlato con cantanti leggendari come fossero miei coetanei. Parlare con loro ancora una volta mi ha fatto realizzare molte cose. Dato che la musica è la mia professione, non riesco ad immaginarmi senza. Sono grato che ci siano ancora delle aree inesplorate del mondo musicale.

In che genere di musica pensi ti cimenterai in futuro?
SUGA: Mi sono sentito molto motivato quando ho visto il concerto di Na Hoon-a durante l’ultimo Chuseok. Mi sono chiesto come fanno gli artisti a fare musica e ad esibirsi per così tanto tempo come ha fatto lui. In quel momento ho pensato: “Voglio essere come lui”. Ha passione e voglia, e più di tutto è una superstar. Qualche anno fa ho portato i miei genitori ad un suo concerto, quando hanno visto l’esibizione dell’ultimo Chuseok hanno detto che vederlo dalla televisione era meno di impatto (ride).
 
Questo potrebbe spiegare il tuo interesse per uno spettro musicale più ampio, andando dagli strumenti per la composizione ai generi musicali. Perché vuoi fare quello che fai per molto tempo.
SUGA: Il mio obiettivo è continuare a fare musica, sotto qualsiasi forma. Sotto questo punto di vista, provo un grande rispetto per Cho Yong-pil. Lui prende il suono migliore che ha, e lo reinterpreta a modo suo. Penso sia una cosa che voglio fare anche io, continuare a cambiare ed evolvermi così da poter continuare a fare musica per gli anni che verranno.
 
Il testo “Per fortuna, tra me e te, nulla è cambiato” deve avere un maggior significato per i fan perché continueranno ad ascoltare la tua musica per molto tempo.
SUGA: In questo momento, un mese e mezzo sembra essere lungo una vita per i fan quando siamo lontani. Io mi sento allo stesso modo. Ma penso che sia la prova che abbiamo lavorato duramente nei sette anni passati, e che i fan si siano uniti a noi con passione. Non vedo l’ora di poterli raggiungere il prima possibile, sono ansioso di salire sul palco. Sto affrontando tutto questo perché voglio essere migliore sul palco, in condizioni migliori, quindi non siate tristi e per favore, aspettate ancora un po’.

Traduzione a cura di BTS Italia | @BTSItalia_twt (Hanabi, Mary, Rebecca).
Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] La sconvolgente dualità dei BTS

Nel 2020, la più grande band del mondo ha dato prova di eccellere tanto nell’imponente spettacolarizzazione quanto nelle loro relazioni più intime.

I BTS figurano ormai sulla scena della musica pop da molto tempo, così tanto che ci si potrebbe facilmente dimenticare, o sorprendere nello scoprire, gli anni che hanno passato sullo sfondo. Nel lontano 2014, per la festa del loro primo anniversario dal debutto, il gruppo di sette ragazzi ha festeggiato pulendo il piccolo dormitorio che condividevano e cucinando un buon pasto. Hanno registrato un video di loro stessi per i fan, mentre mettevano a bagno le alghe per una tradizionale zuppa di compleanno coreana, gonfiavano palloncini, passavano l’aspirapolvere nel salone e decoravano la torta. Il loro, allora diciannovenne, leader RM, tentava di pelare una cipolla. “Ragazzi, come fa mia madre a farlo ogni giorno” ha detto con tono imbarazzato. “I membri mi dicono sempre di non guidare o cucinare per il bene di tutti”.
 
Per nulla turbati dagli spazi stretti, sembravano emozionati dal perseguire insieme il sogno di una carriera. Guardare oggi questi video- a sei anni, sette album e numerosi record di distanza- non è solo un esercizio di nostalgia dei vecchi tempi per RM, Jin, Suga, j-hope, Jimin, V e Jungkook, ma è, prima di tutto, un promemoria di come la più grande band del mondo sia diventata così popolare, una lezione su come tirare fuori il massimo, dalle poche cose che si posseggono.
 
L’umiltà è stata utile nel 2020, un anno che ha fatto inginocchiare l’industria musicale, così come il resto del mondo. La pandemia coronavirus ha condotto alla cancellazione dei tour e alla chiusura degli stadi; quando i musicisti si sono esibiti, lo hanno fatto dalle loro case, o di fronte a nessun pubblico. Questa nuova realtà deve aver ferito i BTS, un gruppo conosciuto per i loro spettacolari ed energici concerti. (L’anno scorso, hanno fatto sold out allo stadio Wembley di Londra in 90 minuti). Abituati a brillare su ricchi palcoscenici davanti a decine di migliaia di persone, si sono ritrovati improvvisamente a registrare per delle apparizioni televisive nella loro sala prove, e ad eseguire le grandiose coreografie del loro comeback con solo il sostegno dello staff. Ma, nonostante i BTS non siano più un gruppo esordiente di una piccola compagnia, i loro inizi modesti li hanno preparati ad avere successo durante un anno che avrebbe distrutto le loro ambizioni.
 
Originariamente, per il 2020 era stato promosso il tour di Map of the Soul: 7, l’album più sofisticato del gruppo fino ad ora, e lo stesso che i fan speravano portasse le pop star alla loro prima nomination ai Grammy. “Abbiamo incontrato delle difficoltà quest’anno” mi ha detto Jin in una recente intervista tenuta per posta con il gruppo. “La maggior parte dei piani che avevano programmato due anni fa sono andati in fumo, ma nel frattempo abbiamo lavorato sodo e… siamo riusciti a fare qualcosa di importante”.
 
Per i BTS, qualcosa di importante è essere nominati per un Grammy, mesi dopo essersi esibiti ai Grammys- ed essere il primo gruppo coreano a fare entrambe le cose. Hanno rilasciato il loro album BE, il quinto album consecutivo ad ottenere il numero uno nella Billboard Hot 200. Hanno ottenuto tre canzoni al n. 1 nella Hot 100, tra cui , il loro primo singolo totalmente in inglese “Dynamiye” e il loro cavallo meno quotato, la loro hit “Life Goes On”. Nonostante “Dynamite” si è rivelata essere fino ad ora la più grande canzone dei BTS, RM ha detto che l’ultimo traguardo lo ha reso “Felice il doppio, perché, come hai detto tu, era una canzone in coreano. È un onore che ci è stato concesso dai nostri fan.” A differenza di “Dynamite”, “Life Goes ON”, a livello virtuale, non è stata passata in radio, quindi sono stati gli acquisti e gli stream dei fan ad averla spinta in vetta alle classifiche, rendendola la prima canzone in coreano a raggiungere un tale traguardo.
 
Il linguaggio iperbolico che oggi circonda i BTS (fenomeno globale! successo K-pop! Primo atto coreano a…!) può oscurare il fatto che il gruppo non necessiti di grandi stadi o set list da urlo per raggiungere il pubblico. Si sentono a loro agio a parlare con i loro fan attraverso dirette spontanee in pigiama e a postare cover spoglie su Twitter. Inoltre, diversamente da molti gruppi idol, i membri dei BTS hanno sempre affrontato il tema della salute mentale nei loro testi e nelle loro dirette. Quel candore è stato toccante quest’anno in particolare, in quanto hanno parlato del sentirsi arrabbiati, impotenti e depressi.
 
Per il suo compleanno all’inizio di questo mese, Jin ha rilasciato un brano solista intitolato “Abyss”, con allegato una nota da parte sua scritta in seguito ad un periodo di forte esaurimento dicendo di essersi rivolto anche a sedute di terapia a causa di pensieri ansiosi. Quando ho chiesto se avesse trovato questa onestà difficile da esprimere, ha obiettato. “Non so se sia stato difficile condividere queste informazioni.” ha detto Jin. “Ritengo che la musica sia semplicemente un’altra forma di espressione. Se non avessi scritto il testo sul blog, credo che le persone avrebbero potuto solo indovinare che fossi in uno stato simile.” Mossi dalle sue parole e dalla delicata bellezza della canzone, i fan hanno condiviso i loro conflitti sui social media. “Se non sai come affrontare la tua salute mentale, va bene tenerselo per sé.” ha detto Jin. “Ma se non lo fai, penso sia un bene aprirsi, perché potresti avere qualcuno al tuo fianco che sappia come gestire la questione.”
 
Questa settimana ha portato con sé un duo di rilasci a sorpresa su SoundCloud, anch’essi con l’obiettivo di portare conforto: “Christmas Love” di Jimin e “Snow Flower” di V. Jimin, per accompagnare il suo vivace, nostalgico brano, ha scritto un messaggio esprimendo la gioia che prova malgrado gli script imposti dall’età adulta: “Piuttosto che ripudiare i tuoi sentimenti denominandoli ‘imbarazzanti’ o ‘infantili’ come spesso facciamo, mi auguro che arrivi il giorno in cui potremo sentirci bene nel provare queste emozioni insieme.” Nella sua nota per la canzone dal suono dolcemente jazz, “Snow Flower”, V ha scritto: “Quest’anno il tempo è sembrato fermarsi, e penso che ci saranno molte persone che provano più ansia e depressione con l’avvicinarsi della fine dell’anno. Almeno per oggi, spero che i fiori bianchi possano scendere posandosi sui vostri cuori e che possiate sentire anche un po’ più di caloroso conforto e di felicità.”
 
Contro questo scenario di vulnerabilità, i BTS inoltre offrono sollievo al loro pubblico attraverso performance appariscenti. Con il tour posticipato a tempo indeterminato, hanno riconfigurato le loro canzoni in modo che fosse possibile consumarle online. Una performance estiva confortevole e un concerto autunnale di due giorni, che ha visto la partecipazione di quasi 1 milione di spettatori, hanno sperimentato i confini degli show virtuali in diretta. “Non credo che la nostra musica o la nostra performance siano state limitate, ma è solo il modo in cui esprimiamo la performance migliore ad essere cambiato.” ha detto V riguardo al periodo pandemia del gruppo. Nel 2019, una delle performance migliori dei BTS è stato un set di 37 minuti per i Melon Music Awards della Corea del Sud, con la partecipazione di cavalli, sette performance soliste, una dance break da far collassare i polmoni, e un mare di altri elementi. Nel 2020, molte delle loro performance migliori sono state assai più contenute, ma non meno memorabili. Per il The Late Late Show With James Corden, hanno cantato “Life Goes On” camminando (grazie alla magia dell’editing) attraverso la stessa stanza ripetutamente, comunicando la claustrofobia data dalla vita in quarantena.
 
Quando i BTS sono tornati ai Melon Music Awards quest’anno, non hanno stupito con la portata, ma con la coreografia precisa. Jimin e Jungkook hanno eseguito un delizioso e tecnicamente difficile pas de deuxdurante la canzone “Black Swan”. Inoltre il gruppo ha svelato una dance break per “Dynamite” alla Micheal Jackson, della quale non si ha mai abbastanza. “Ad essere onesto, penso che quella performance sia stata vicina alla perfezione.” mi ha detto J-Hope. Questo significa molto, detto dal dance leader conosciuto per la sua meticolosità. “Non è stato qualcosa che avrei potuto fare da solo, ma era tutto in sintonia — i costumi, le luci, la coreografia, le inquadrature e i membri.”
 
In alcuni casi presentare la “miglior performance” ha significato non ballare per niente. Per il loro NPR Tiny Desk Concert a settembre, i BTS hanno eseguito tutto il loro set (per la maggior parte) da seduti. In più “Life Goes On” è la loro prima title track a non avere una coreografia ufficiale. “Pensiamo che il sentimento dietro la canzone si abbini meglio senza coreografia,” ha detto Suga riguardo al singolo sottostimato, il quale dà l’impressione che sia stato scritto non da un idol ai propri fan, ma da un essere umano ad un altro. Il resto di BE dà la stessa impressione — grezzo e personale, come un mixtape designato ai tuoi amici più stretti. Nel suo verso di “Life Goes On”, Suga fa riferimento ad una canzone magnificamente introspettiva del suo ultimo mixtape, intitolata “People”, il quale testo parla similmente del prendere una posizione ottimista nei confronti dei capricci della vita. “Il messaggio di ‘People’ era qualcosa tipo ‘e allora? la vita va avanti comunque’ quindi ho voluto estendere quel messaggio” ha detto Suga.
 
Alla fine del 2020, con l’inizio della distribuzione del vaccino, l’idea che la vita continui potrebbe sembrare più verosimile di una volta. Per i BTS, come per tutti gli altri, il prossimo anno sembra ancora sfocato, ma almeno ha un chiaro punto di partenza. “Il 2021 inizia con i Grammy”, ha detto J-Hope. “Dicono che il primo passo [dell’anno] è importante, quindi spero che otterremo buoni risultati lì”. I BTS sono nominati per la migliore performance pop di gruppo/duo per “Dynamite” e dovrebbero esibirsi, anche se molti fan sono rimasti delusi dal fatto che Map of the Soul: 7 non abbia ricevuto nessuna nomination. “Sarebbe un tale onore guadagnare un riconoscimento per il nostro album un giorno”, ha detto il gruppo.
 
I BTS sperano che il resto del 2021 porti con sé la possibilità di tenere concerti dal vivo. “Voglio mostrare ai nostri fan la nostra performance di ‘On’”, ha detto Jungkook della loro canzone coreografata più stravagante. “Se i fan vogliono vedere ‘Louder Than Bombs’, ovviamente possiamo fare un’esibizione anche di quella”, ha aggiunto. Si prevede inoltre che l’anno a venire produca più lavori da solista, compresi i progetti molto attesi di V e Jungkook. “Quest’anno è stato impegnativo, quindi non sono riuscito a trovare molto tempo per lavorarci. Cercherò di perfezionarlo il prossimo anno”, ha detto V circa il suo mixtape. “Quando riesamino le canzoni che ho fatto, non sono completamente soddisfatto. Quindi onestamente non lo so ancora!”, ha detto Jungkook sull’uscita del suo disco, sebbene abbia scritto o prodotto diverse canzoni quest’anno, inclusa l’incantevole ballad “Still With You”.
 
Qualunque cosa accada ai Grammy, la nomination di “Dynamite” è un avvenimento importante. Come ha affermato Jimin in una recente intervista per Vanity Fair, “In tutto il mondo, quando le persone ci guardano, potrebbero non sapere da quale paese veniamo. Potrebbero non sapere da quale piccola città rurale proveniamo noi zoticoni. Eppure, eccoci sul palco più alto, in corsa per vincere un premio”. Quel simbolismo del palcoscenico dei Grammy, la legittimità che conferisce, è reale. Ma l’umile passato dei BTS è sempre presente. Sembrano, in ogni momento, ricordare da dove vengono, anche se cercano di non essere limitati dall’etichetta del K-pop. “Il produttore Bang [Si-hyuk] una volta mi ha detto che ero ‘locale’ e penso che che mi descriva accuratamente”, mi ha detto RM, riferendosi al fondatore dell’etichetta dei BTS, la Big Hit Entertainment. “Sono anche consapevole che, in quanto millennial, limitarci a una singola regione non è auspicabile”. Con i BTS, l’unica costante è la loro dualità — sono “locali” ma globali, outsider dell’industria ma dall’interno, abili tanto nelle relazioni intime quanto nello sfarzo.
 
Quest’anno avrebbe potuto essere molto diverso per i BTS se il loro legame non fosse stato forgiato nel crogiolo di quei primi anni. “Quando la vita si fa dura o è difficile trovare la giusta motivazione, ciò che mi fa andare avanti sono le relazioni e l’energia che ricevo da loro — i nostri membri, le persone intorno a me e i nostri fan sono tutti così preziosi”, mi ha detto Jimin. Il suo sentimento è ben raccontato nella traccia di BE, “Skit”, che documenta la reazione del gruppo all’apprendimento del loro primo, primo posto nella Hot 100. I membri urlano e scherzano sul fatto di saltare le prove di danza per prendersi un drink. La traccia termina con RM che chiede a J-Hope: “Hope-ah, non credi che sia questa la felicità?”
 
Sei anni fa, i BTS si sono riuniti per una specie di festeggiamento più tranquillo. Alla fine del video sul loro primo anniversario, si siedono sul pavimento della loro stanza intorno ad un tavolo pieno di cibo delizioso, ridendo. Cantano “Tanti Auguri” a se stessi. Poi, insieme, iniziano a mangiare. Anche quella sembra felicità.
 
Traduzione a cura di BTS Italia | @BTSItalia_twt (©Abi, Rebecca, Mary).
Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] Let Go

Prima di dirci addio, lascia che sia
Persi negli intrichi del cuore
Da stereo a mono*,
Le strade si separeranno

Se è destino che ci separiamo, ecco la mia ultima lettera,
parole che ho fatto uscire, parole scritte e cancellate,
I miei sentimenti nei tuoi confronti, troppi da lasciare andare
Abbatte ogni costruzione,
fino a un punto di non ritorno,
Dunque, che sia, non piangere
Ti lascerò andare e volare via

Ogni giorno mi affanno, mi tengo impegnato
L’agenda è fitta, cosí da distrarmi
Ma non riesco a dimenticare, brucia come un tatuaggio
Non posso tornare a quei giorni
Se potessi, chiamerei il tuo nome
Ma accetterò le tue colpe
È davvero giunta l’ora di dirci addio

Prima di dirci addio, lascia che sia
Persi negli intrichi del cuore
Da stereo a mono,
Le strade continueranno a separarsi

Ora, per riuscire a lasciare andare la tua mano
Ti dirò che ho davvero bisogno che tu vada via
È difficile dire addio, ma non scapperò
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare

Dove sei ora, che stai facendo,
Ora che siamo separati, a chi stai pensando
Una vita senza te, incredibile
Ma non mi resta nient’altro che lasciare andare
Ho amato troppo
Un filo rosso** troppo attorcigliato su se stesso
Non riesco a uscirne, quindi andrò per un’altra strada
E per farlo, dovrò dirti addio

I giorni che mi aspettano saranno
Pioggia che nasconde lacrime
Aspetterò e ricomincerò
Cosicché in futuro
Potrò di nuovo incontrarti, col sorriso

Ora, per riuscire a lasciare andare la tua mano
Ti dirò che ho davvero bisogno che tu vada via
È difficile dire addio, ma non scapperò
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare

Il colore del cielo che entrambi guardavamo
L’odore delle strade che eravamo soliti percorrere
Ti prego, non dimenticarli

Ora, per riuscire a lasciare andare la tua mano
Ti dirò che ho davvero bisogno che tu vada via
È difficile dire addio, ma non scapperò
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare
Sono pronto a lasciare andare

 

*tipologie diverse di riproduzioni audio

**akai ito, il filo rosso del destino che nell’immaginario giapponese lega tra loro due persone predestinate

 

 

Traduzione a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti

COMEBACK? Come far crescere l’ansia.

E’ arrivato.
Quel momento dell’anno, cari Army, è arrivato: quando i Bangtan iniziano a dare segnali sospetti sui social, vuol dire che siamo ufficialmente entrati in periodo comeback.

Come molti di voi avranno sicuramente notato, questa mattina la community di Army è implosa in una follia collettiva per diversi episodi che si sono susseguiti nell’arco di qualche ora; abbiamo cercato di raggruppare i più significativi e presentarveli, per cercare di ricavarne qualcosa tutti assieme (impresa impossibile, conoscendo la BigHit). Come sempre ricordiamo che si tratta di TEORIE, alcune cose potrebbero probabilmente essere frutto di isteria generale, che ha contagiato anche noi di BTS Italia.

Beh, che la follia abbia inizio!

La parola chiave che accomuna ogni indizio trovato è GLITCH, termine usato in elettronica per indicare un breve difetto di sistema (immagini distorte, parole modificate etc). Sono stati dispersi un po’ ovunque nei vari social:


BANGTANTV

I glitch sono visibili SOLO da cellulare: i video che li contengono sono “No more dream”, “Run dance practice [0:31]”, “Young Forever”, “Not Today” (anche se quest’ultimo li aveva già alla sua uscita)

22688659_1769381063105194_2414347323270979162_n29573190_1769380756438558_9059172094565968365_n29594903_1769380999771867_6448045143944014446_n

Le playlist relative ad ogni Era sono state ricaricate tutte tra ieri ed oggi, probabilmente perché aggiornate dopo le modifiche ai video:

NOTA INTERESSANTE: In no more dream il glitch è al minuto 2:05, e 205 è un numero che è stato diverse volte indossato dai membri… è un possibile indizio che il comeback sarà il 20 Maggio? O semplici coincidenze creepy?

26195856_1769385759771391_6793143750716766925_n29595289_1769385816438052_8423056981324300160_n

Ma la modifica che possiamo decisamente definire più inquietante tra tutte quelle rilevate, è relativa agli ultimi secondi del Prologo di Young Forever: il video è stato modificato rispetto all’originale, e al posto di trovare la famosa scena di Jin in auto che guarda la polaroid, non troviamo nessuna immagine, soltanto una musica decisamente horror a chiusura. Se questa non è ansia.

Inoltre, per un breve periodo non era più possibile iscriversi al canale dei ragazzi, perché il pulsante era momentaneamente “sparito”.


VAPP

Per un breve lasso di tempo l’immagine del profilo di V Live dell’account dei Bangtan era distorta

29573384_1769380683105232_5140039102393956617_n.jpg


BTS BLOG

Nel blog ufficiale, la parola “reserved” a bordo pagina è stata sostituita con “reversed”; digitando inoltre le parole chiave del blog su Google, era possibile leggere una scritta di “Errore”, che se cliccata riportava alla home page dei ragazzi della Skool Luv Affair era, con MV Just One Day.

29695549_1769381359771831_4633865324067395551_n29598234_1769424669767500_2157450884368952827_n29595445_1769424859767481_6704139452098214879_n


BT21

Indizio di glitch nel video del 1°Aprile dei BT21!

29594419_1769381123105188_4588219896215413220_n.jpg
INSTAGRAM

Qui ci si inoltra nella parte di teorie più confuse e probabilmente fake. Le Army hanno trovato diversi account dedicati ai ragazzi che postano soltanto da due mesi a questa parte immagini glitchate: quello più celebre è @repl4y_ , che presenta numerose immagini con codici da decodificare in descrizione. Ci sono diversi fattori che rendono questo profilo particolarmente creepy, a partire ovviamente dalle descrizioni, che se tradotte danno diverse parole come tempo, nessuno, solo, su, spento, notte, alba, ombra, tomorrowland, ma anche il fatto che l’account segua un’unica persona, il cui profilo ha anch’esso un nome da decodificare (e ovviamente è stato fatto, ed il significato dovrebbe essere Lost User)

29597378_1769384023104898_420980701847117174_n

29684205_1769385703104730_6980738822470074110_n.jpg

Ovviamente, il rischio più grande è che siano tutte opere fanmade, magari create appositamente per Universi Alternativi.

Detto ciò, mettiamo un punto a questa sequenza di fattori decisamente inquietanti. Cosa ci dice che molto probabilmente si trattano di veri indizi che la BigHit ci sta rivelando mano a mano?
Il modus operandi è molto simile a quello dei pre comeback passati (vedete ad esempio tutte le teorie nate attorno al blog Smeraldo per lo scorso comeback), ma ciò che ci fa sospettare che non si tratti di un trip collettivo del fandom sono proprio i numerosi indizi lasciati nelle esibizioni di quest’inverno: glitch frequenti, codici che compaiono un po’ ovunque, riferimenti a “secondi capitoli” o al “Magic Shop”, ma soprattutto la frase “Ora è il momento di togliersi la maschera e spalancare gli occhi”, che fa intuire a una voglia di cambiamento e rivelazione da parte del gruppo, pronto a mostrare cosa c’è dietro all’attuale scenario che abbiamo sempre conosciuto, ma che in realtà cela una verità nascosta. Si parla di Human Control System (scritta che compare ai MAMA 2017), di “1984” e “Matrix”, titoli più volte citati dal gruppo (Namjoon, parlo proprio con te) negli ultimi mesi, e che rimandano ad esistenze pilotate, a controllo virtuale, e a una voglia di ribellione da una realtà preconfezionata e obbligata.

29684021_1769385849771382_7711419142391396110_n29792795_1769385983104702_6577829095598662396_n

Beh, il nostro viaggio finisce qui. Probabilmente non avrete capito niente (vi svelo un segreto: nemmeno io), ed è difficile trovare un filo logico in questi casi; molte delle cose ora teorizzate non saranno mai nemmeno completamente spiegate dai BTS stessi, come ci insegna la storia del fandom.
Una cosa è certa: questo comeback si presenta con una nota Dark che mancava da un anno, e che rende il tutto estremamente accattivante.

Intervista ViVi: il #BoyfriendLook di V; passeggiata per Tokyo con un adorabile cagnolino

Primavera… stagione dell’amore! La star di fama mondiale V, dei BTS, gruppo che sta conquistando il mondo, ci sta conducendo in quei posti da appuntamento tipici della stagione, mostrandoci un tipico #BoyfriendLook. Ragazzi, siete pronti a sentire il vostro cuore palpitare?

20180319210311_fihm8vbe965qk28anech7enis6_main_v.jpg

V ha da poco preso un cane. Quando gli ho mostrato la foto del compagno che avrebbe avuto durante il servizio fotografico, Tarou, ha felicemente sorriso: “Aww, è adorabile! E’ un Pomerania? Come il mio cucciolo! Quando ero piccolo, giocavo sempre col cane di mia nonna, Sunshim, ogni volta che tornavo alla fattoria. Ne ho sempre desiderato uno per me, ma ero preoccupato che non riuscissi a prendermene cura. Dopo aver conosciuto molti cuccioli, e sentito le storie di molte persone, ho finalmente deciso di adottare un cane. Si chiama Yeontan, soprannominato Tan-chan. In coreano il suo nome significa tizzone, l’ho chiamato così per via della somiglianza. Il suo punto di maggior fascino sono le sopracciglia!”

Il cellulare di V è pieno di sue adorabili foto e video di Yeontan: “Gliene scatto di continuo, si deve essere ormai stancato (ride). Anche se mi diverto a scegliergli i vestiti e farglieli indossare, si rifiuta sempre e cerca di sgattaiolare via”.

Arriviamo sul set del servizio fotografico, un parco, e finalmente incontra Tarou. Conosciuto per avere un debole per le persone belle, obbedisce subito a V e fa quello che gli viene richiesto, comandi come “fermo”, “seduto”, “zampa” e “giù”.
“A Yeontan glieli ha insegnati la prima padrona. Tarou era così carino e obbediente, ma nessuno batte il mio Tan-chan! Mi è venuta voglia di vederlo!”

20180319210908_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v1.jpg

  • Che tipo di immagine ti suscita Tokyo?

Ci sono un sacco di persone gentili. Amo i paesaggi naturali, ma a Tokyo ci sono un sacco di strade e luoghi carini. Tra tutti, quello che più mi ha colpito è Shibuya.

  • Se una coppia andasse in Corea, dove consiglieresti loro di andare?

Il fiume Han! E’ bello andare in bici lungo la riva, inoltre c’è un posto lì vicino dove puoi mangiare ramen istantaneo e sederti su una panchina. Ci sono un sacco di ristoranti coreani, sarebbe bello andarci come coppia. Se venite in Corea, provate ad assaggiare la vera japchae.

20180319211347_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v2.jpg

  • Come sono J Hope e Jimin di persona?

J Hope mi fa pensare a come possa esistere un ballerino così fantastico, è davvero bravo. E’ sempre gentile, e cerca sempre di immedesimarsi nel prossimo.

Jimin è così carino, ed è sempre pronto ad ascoltarmi, però sul palco tira fuori un’aria sexy. C’è molta differenza tra il Jimin sul palco, e quello fuori.

20180319211627_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v4.jpg

  • Che parola giapponese hai imparato di recente?

L’ho scritta sul telefono, un attimo. Oh, “Nagareboshi (流れ星)”. All’improvviso mi era venuta voglia di vedere una stella cadente, e ho visto come si dicesse in giapponese.

  • Di recente è successo qualcosa di divertente in dormitorio?

Il giorno del mio compleanno, Jungkook ha cucinato del ramen per tutti noi. Siamo stati tutti insieme, e abbiamo riso per tutto il tempo.

20180319211821_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v3.jpg

  • C’è un artista o attore giapponese che vorresti incontrare?

Hoshino Gen! Mi piace molto!! Ci siamo incontrati al Music Station di fine anno dell’anno scorso e siamo riusciti a parlare per un po’. Hoshino è sia cantante che attore ma, se possibile, vorrei lavorare con lui come cantante.

  • Qual è la tua canzone e verso preferito del nuovo album “Face Yourself”?

Mi piace Crystal Snow, la parte in cui dice “Vorrei afferrarti prima che tu scompaia”. L’ha cantata Jimin, ma è la mia parte preferita (Jimin, che era accanto a lui, lo ringrazia).

 

Traduzione a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] Only Then by JK

canzone originale: 그때 헤어지면 돼 (Only Then), Roy Kim
Vocal Arrangement by  Jungkook @ Golden Closet
Mix Engineer – Jeong Woo @ Big Hit Studio
Mastering Engineer – Jeong Woo @ Big Hit Studio

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/413023593″ params=”color=#ff5500&auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&show_teaser=true&visual=true” width=”100%” height=”300″ iframe=”true” /]

29136880_1748776888498945_2700464734113977421_n.jpg

Amarmi non è difficile
Basta stringermi forte, come stai facendo ora
Non sappiamo cosa ci aspetta in futuro
Ma mi piace che nulla sia già deciso

A chi importa cosa dicono gli altri?
Non possiamo vivere l’uno senza l’altro, e allora?
Insieme, possiamo amarci ancor di più

Se inizierà a piacerti qualcun altro
Se dovessi abituarmi a stare senza di te
Quando arriverà quel momento, quando sarà quel momento
Soltanto allora potremo lasciarci

Amarti non è difficile
Se sorrido un’altra volta, e mi prendo più cura di te
Come ci amiamo non è difficile
Se ci guardiamo come se fosse la prima volta ogni volta

A chi importa cosa dicono gli altri?
Non possiamo vivere l’uno senza l’altro, e allora?
Insieme, possiamo amarci ancor di più

Se inizierà a piacerti qualcun altro
Se dovessi abituarmi a stare senza di te
Quando arriverà quel momento, quando sarà quel momento
Allora… allora…

Che tu lo voglia o no, mi aggrapperò a te
Quando sarò così stanco da non riuscire nemmeno a camminare
Quando arriverà quel momento, quando sarà quel momento
Soltanto allora potremo lasciarci
Soltanto allora potremo lasciarci

Trad. italiana  a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia, prendere solo con crediti

Esploriamo il cibo con i BTS!

Esploriamo il cibo con i BTS!

J-Hope e Jimin dei BTS, il gruppo che attualmente ha maggior impatto nella scena del K-Pop, esploreranno il cibo delle foto di cui tutti parlano.
Hanno scelto lo zucchero filato, i cicchetti di biscotto*, e una crostatina. Hanno tutta l’attenzione rivolta verso di loro in quanto i due membri mostrano il loro stile e il loro modo di mangiare.

Cattura

I BTS sono un gruppo hip hop formato da 7 membri, che ha debuttato in Corea il 13/06/2013. Lo scorso anno hanno portato a casa tutti i premi musicali coreani, e hanno in piano di rilasciare il loro terzo album interamente in giapponese ‘Face Yourself’ il 4 Aprile (Mercoledì). Hanno anche in piano di effettuare un fanmeeting nell’arena di Yokohama e nella Osakajo Hall. I BTS stanno crescendo anche in Giappone.

Questa volta J-Hope e Jimin dei BTS esploreranno il cibo che vedete in foto, che hanno avuto grande riscontro ad Harajuku e Aoyama. Prima però, abbiamo chiesto loro quando mangiano i dessert solitamente.

~~~

Q. Quando mangiate i dessert solitamente?

J-Hope: Mangio dessert quando sono esausto.

Jimin: I dessert non sono più buoni quando sei di buon umore? Quando sei stanco i cibi piccanti sono meglio di quelli dolci.

J-Hope: Abbiamo gusti un po’ diversi!

Jimin: Siamo diversi ma quando J-Hope mangia, mangio dolci insieme a lui.

J-Hope: Mangiamo insieme allora!

Jimin: Sì!

Ora inizieranno ad assaggiare i dolci!

~~~

Che dolce ~ L’enorme zucchero filato diventato così di tendenza ad Harajuku!

Cattura.PNG
Lo zucchero filato arcobaleno di TOTTI CANDY FACTORY, 900 yen

Cattura.PNG
Appena visto、i due non sono riusciti a nascondere lo stupore davanti ai colori e alla sua grandezza.

JH: Wow, è fantastico.

JM: E’ zucchero filato?

E’ il famoso enorme zucchero filato di Harajuku! E’ buono?

Cattura.PNG
Come potete vedere, è molto più grande della faccia di Jimin!

Cattura.PNG
Jimin dà un piccolo assaggio.

JM: E’ molto dolce ~

JH: Davvero? Allora lo assaggio anch’io.

Cattura.PNG

JH: E’ buono, ma non sento molto il sapore… ahahah

Ogni colore ha un particolare gusto, viola è all’uva, blu è al Blue Hawaii e il rosa è alla fragola. 

Cattura.PNG
E’ un nuovo metodo per mangiare lo zucchero filato, JHope?

Cattura.PNG
Ecco la perfetta combinazione tra zucchero filato e BTS!

~~~

L’assaggio dei BTS dei cicchetti di biscotto

Cattura.PNG
Cicchetti di biscotto di Dominique Ansel, 1512 yen

Cattura.PNG
I due bevono il latte alla vaniglia in silenzio…

J-Hope: Che carino! Cos’è?

È un cicchetto di biscotto. È un biscotto a forma di bicchiere, ci versi del latte alla vaniglia e lo mangi.

J-Hope: Ok, allora verso subito il latte alla vaniglia!

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Accanto a Jhope, che sta mangiando voracemente, Jimin ci mostrerà le sue abilità.

Cattura.PNG

Cattura.PNG
“Waaaaa!!” ha urlato Jimin, mostrando le sue abilità. Anche Jhope ne è rimasto colpito ahahah.

Siamo pronti! I due hanno finito di versare il latte alla vaniglia nella cialda, e ora la assaggeranno!

Cattura.PNG

 

JH: A berlo non è troppo dolce, ahahah

Cattura.PNG

Cattura.PNG

JH:  Il latte è dolce, non è latte normale!

Nel latte è stata aggiunta bacca di Vaniglia. Puoi mangiare anche la cialda!

Cattura.PNG

Jimin: La cialda sa di cioccolato!

J-Hope: Se unisci il latte alla vaniglia e il biscotto, ottieni un sapore di latte al cioccolato! Mi piace davvero tanto il sapore di questo latte alla vaniglia. Me lo voglio portare in Corea al mio ritorno, ahahah.

~~~

La shockante fragola bianca! Una torta dolce e rinfrescante, di cui diventerai presto dipendente!

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Cattura.PNG

J-Hope: Ho già mangiato un pezzo di torta in questo negozio. E’ una famosa pasticceria, vero? Sono fragole bianche?

Sì. Jimin, conosci le fragole bianche?

Jimin: Eh? Fragole bianche? È la prima volta che le vedo.

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Cattura.PNG

JM: La fragola è fresca e la crostata è davvero dolce!

Cattura.PNG

J-Hope: Era veramente buona. Mi piacciono i dessert freschi e i dolci che contengono la frutta, come questa crostatina. E amo anche la crema ganache.

Jimin: Anche io la amo!

Cattura.PNG

Cattura.PNG

Cattura.PNG

~~~

Parliamo del nuovo album “Face Yourself”

Cattura.PNG

Q. C’è stato qualche episodio memorabile mentre stavate lavorando (all’album)?

J-Hope: Mentre stavo registrando ho mangiato molte cose dolci! Lo staff ne ha preparati diversi. Grazie a quelli, sono stato in grado di riacquistare le energie, finire le registrazioni e completare un album fantastico.

Jimin: C’è stata una canzone che aveva un tono davvero alto ed era difficile da registrare. E’ uno dei ricordi che ho delle registrazioni.

Cattura.PNG

Q. C’è una canzone che preferite particolarmente?

J-Hope: Per ora è ‘Spring Day’. Ovviamente è perché siamo in primavera, ma col passare del tempo, penso spesso a quanto sia davvero una bella canzone. Sia la versione coreana sia quella giapponese hanno un bellissimo testo, non trovi?

Jimin: Mi piacciono tutte! È un po’ strano detta da me, ma la musica dei BTS è davvero la migliore! La consiglierei a tutti in tutta sicurezza.

Cattura.PNG

Q. In quali situazioni vorreste si ascoltasse l’album?

J-Hope: Penso che ‘Crystal Snow’ sia perfetta per quando fa freddo. Credo ci si possa godere l’inverno ascoltando ‘Crystal Snow’, in particolare quando nevica.

Jimin: Pensando a noi, vorrei ascoltaste tutte le nostre canzoni; ascoltate ‘MIC Drop’ quando volete caricarvi, ‘Spring Day’ quando vi sentite bene, ‘Crystal Snow’ quando siete tristi, potrebbe farvi bene.

Cattura.PNG

Q. Per chi non è fan, quale canzone consigliereste di ascoltare?

J-Hope: Una sola canzone? È difficile scegliere…

Jimin: Penso sia meglio ascoltare le canzoni dell’album dall’inizio fino alla fine. Mi piacerebbero sicuramente i BTS se li ascoltassi fino alla fine!

Cattura.PNG

J-Hope: Come c’era da aspettarsi, Jimin! Dopotutto lo stile dei BTS è…

Jimin: MIC Drop!

J-Hope: Esatto~! Davvero! Credo che riesca ad arrivare tutta l’energia della canzone, perciò mi piacerebbe ascoltare ‘MIC Drop’ e sentire la nostra energia.

~~~

Cattura.PNG

*T/N: i cicchetti di biscotto e cioccolato sono simili a dei piccoli bicchierini, ci si versa il latte e lo si beve.

 

Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] Blue Side (Outro)

Blue Side (Il lato Blu)

blue side outro_preview.png

Nei miei sogni blu
Vorrei ci fossi anche tu
Anche se dici di no
Nei miei occhi

Nei miei sogni blu
Vorrei abbracciarti
Anche se dici di no
Nelle mie braccia

Lato Blu
Torno al Lato Blu
Lato Blu
Torno al Lato Blu
Lato Blu
Torno al Lato Blu
Lato Blu
Torno al Lato Blu

 

 

Traduzione Italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] Hangsang ft. SUPREME BOI

Hangsang (Sempre)

always_preview.png

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Quando attraverso il maledetto aeroporto
Salgo sull’aereo con i miei amici
Ogni giorno, io e i miei ragazzi spacchiamo
Ogni giorno, io e i miei fratelli spacchiamo

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Ultimamente ce la spassiamo
Uno stacca l’etichetta di Gucci
L’altro ha centinaia di Kaws
Uno non sa scegliere che casa comprare
È giusto, giusto così
Uscire dal pozzo e puntare solo al meglio
In questa padella vengono cucinati solo cibi amari
Solo la roba migliore, con gli amici migliori

La strada è rossa quando apro gli occhi
(Camminare, camminare, camminare)
Chiamate il Top da celebrità top
(Parlare, parlare, parlare)
Nei momenti come questi,
Sono sempre con i miei fratelli
Anche in futuro
Sempre con i miei fratelli
Il mondo sta al passo coi 7
Sempre insieme,
Spacchiamo

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Quando attraverso il maledetto aeroporto
Salgo sull’aereo con i miei amici
Ogni giorno, io e i miei ragazzi spacchiamo
Ogni giorno, io e i miei fratelli spacchiamo

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Tiro fuori il mio swag, ora me la spasso per il mondo
Tiro fuori il mio swag, me la spasso alla grande
Io e i miei ragazzi abbiamo raggiunto l’apice
Festeggiamo, facciamo festa ogni giorno
Frena, questo è il posto di J-Hope amico
Frena, da quando questo posto è tuo?
Hobalie hyung* li ha distrutti, quei poser di merda
Anch’io, anch’io, anch’io, anch’io

Finiamo sulle copertine
Ogni volta che sbattiamo le palpebre
Sulle classifiche, ci ho costruito casa
Gli haters faranno meglio a scappare
Carte di credito e colpi di karate chop chop
Io e i miei ragazzi siamo di nuovo i trend setter
Frena amico, ora sei tu il baepsae
Io e i miei amici siamo al top
BTS, ROCKBOTTOM, sì questo è il mio gruppo

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Quando attraverso il maledetto aeroporto
Salgo sull’aereo con i miei amici
Ogni giorno, io e i miei ragazzi spacchiamo
Ogni giorno, io e i miei fratelli spacchiamo

Sempre con i miei fratelli, sì
Sempre con la mia gang, sì
Sempre con i miei fratelli, sì
Spacchiamo per le strade, spacchiamo per le strade

Dettando legge, io e i miei amici camminiamo insieme
Abbiamo creduto solo in noi stessi, sin dai giorni da trainee
Ignorando le male lingue
Tutti erano nostri nemici
Nessuno era al nostro fianco
Ma la partita si è capovolta
Ora il mondo ci canta
Come in un karaoke
Noi cantiamo, balliamo, guardaci
Il mondo ci vuole
La nostra quotidianità è il successo
Proprio come sognavamo
Tutto ora è realtà
Ora è il nostro momento
Che si fottano i soldi

Le giustificazioni sono cibo per cani
(Gli haters) Abbaiano senza motivo
Sicuri come un cane
Inebriati dal loro coraggio, cercano di averla vinta, illusi
Bau bau a loro
Noi andiamo avanti con sicurezza
Raggiungendo mete e vincendo premi
Alla mia agenzia, sostegno
Ai miei fan, gratitudine
Col mio gruppo, sempre

 

*Uno dei soprannomi di Hobi

 

Traduzione italiana a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.

[TRAD ITA] Daydream

Daydream (Sogno ad occhi aperti)

daydream blog_preview.png

La mia personalità è divisa a metà, sai?
Una vita da celebrità, fatta di sacrifici, sai?
Dove non si assecondano i propri desideri, sai?

Vorrei poter piangere in pace, lo so
Vorrei divertirmi come un matto, lo
Vorrei sentire le emozioni dell’amore, lo so

Si lo so lo so lo so, perché io

Come pesci, si è abboccato
A quell’amo chiamato desiderio, nato dalla sete delle nostre vite
Via di fuga psicologica e universale
Non riesco a liberarmi.
No, rifiuto la realtà,
Insoddisfazione, non appartenenza
Nulla di tutto ciò
Amo la mia vita
Per una volta, vorrei provare a dipingere
Un quadro diverso della mia vita, una tela di sogni
Dormi

Vorrei sentirlo, sorpassando quella linea di confine
Laggiù
Come il buco in cui cadde Alice,
Come la strada per Hogwarts
Mi ritroverei in un mondo immaginario
Un mondo tutto mio
Tutto sarebbe come lo immagino
Ma non durerebbe per sempre
Merda

Affidandomi al cielo
Affidandomi a una cicatrice
Se c’è il sole
Voglio poter sognare
Affidandomi al cielo
Affidandomi a una cicatrice
Se c’è la luna
Non voglio svegliarmi

Il mio
Sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti
Ultimo
Sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti

E, se mi ubriacassi
Fino a stare male?
E, se uscissi
Senza pensare al lavoro?
Vivere la giovinezza
Giovani, spensierati e liberi
Anch’io voglio viverla

Ogni giorno, nessun guscio vuoto che cammina
Ogni giorno, voglio fare ciò che il cuore mi dice
Ogni giorno, Un esperto in amore che colpisce al cuore
Ogni giorno, lavoro sodo per realizzare il mio sogno
Ogni giorno, ignoro me stesso
Ogni giorno, voglio piangere senza imbarazzo
Lista dei desideri, numero 1:
Senza preoccuparmi dei soldi
Dormire profondamente

Vorrei sentirlo, sorpassando quella linea di confine
Laggiù
Come il buco in cui cadde Alice,
Come la strada per Hogwarts
Mi ritroverei in un mondo immaginario
Un mondo tutto mio
Tutto sarebbe come lo immagino
Ma non durerebbe per sempre
Merda

Affidandomi al cielo
Affidandomi a una cicatrice
Se c’è il sole
Voglio poter sognare
Affidandomi al cielo
Affidandomi a una cicatrice
Se c’è la luna
Non voglio svegliarmi

Il mio
Sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti
Ultimo
Sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti

Se mi chiedessi perché sogno
La risposta sembrerebbe un vanto
Metterei il sogno in pausa per un minuto
Così da sincronizzarlo al mio meccanismo
Ti direi che sto riposando
Cos’è, cos’è
Immergendomi in un sogno ad occhi aperti, nuotando per me stesso
Così, così
Tutte le mie impronte e fantasie

Se voglio qualcosa
Se ora voglio qualcosa
Se voglio qualcosa
Se ora voglio qualcosa
È un sogno ad occhi aperti
Loro sognano, sognano
È un sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti sogno ad occhi aperti
Sogno ad occhi aperti sogno ad occhi aperti

Svegliati

 

 

Traduzione a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.