[TRAD ITA] Intervista Weverse – SUGA

“Mi fa piacere ci siano ancora aree da esplorare nel mondo della musica”

SUGA ha un modo di esprimersi passionale che si accompagna a un’espressione impassibile del volto. È ricco di passione per la sua vita e la musica.
 
Come sta la tua spalla?
SUGA: Bene. Penso andrà ancora meglio quando rimuoverò il tutore. Sembra ci vorranno alcuni mesi per guarire completamente, ma sto cercando di rimettermi in forma il prima possibile.
 
Come ti senti ad aver risolto un problema che ti ha tormentato per così tanto tempo?
SUGA: In primis sollevato. Il dolore è una cosa, ma quando la spalla era peggiorata non riuscivo nemmeno più ad alzare il braccio. Quando mi hanno detto che se mi fossi operato troppo presto il problema si sarebbe potuto ripresentare, ho aspettato il momento giusto e ho deciso che mi sarei operato a inizio dell’anno nuovo, nonostante la situazione COVID-19. Avevo in programma di farlo dopo le esibizioni di fine anno, ma mi sono operato prima perché i dottori mi hanno suggerito di anticipare le promozioni e le attività dell’anno dopo.
 
Come ti senti ad assistere alle promozioni degli altri ragazzi?
SUGA: Non posso dire sia una bella cosa. Riuscivo a vedere che qualcosa mancava, siamo un gruppo di sette ormai da troppo tempo. Non parlo solo dell’assenza fisica, ma piuttosto di qualcosa che dovrebbe essere lì e che invece non c’è.
 
È questo che ti ha spinto a partecipare alle promozioni il più possibile? Hai girato molte delle riprese video in anticipo e sei persino apparso ai MAMA 2020 della Mnet tramite VR.
SUGA: Era un finto SUGA (Ride). Abbiamo girato il video in un particolare studio 3D. Lì ho girato e recitato la mia parte, mi hanno scannerizzato, ma in studio non sono riuscito a vedere il risultato finale. Ho pensato sarebbe stato impossibile che non risultasse un po’ un ripiego, ed è stato esattamente così (Ride). Ho fatto finta di nulla perché comunque sarebbe stato mandato in onda indipendentemente che fossi già stato operato o no, ma lo sembra ancora di più perché è stato mandato in onda dopo l’intervento.
 
Deve sembrarti un po’ limitante non poter salire sul palco.
SUGA: È che non è passato nemmeno un mese dalla mia operazione, ma la mia assenza sul palco si nota così tanto. Però i dottori continuano a ripetermi di non avere fretta, e infatti molti atleti devono subire una seconda operazione quando tornano in campo senza un’opportuna riabilitazione. Sto quindi lavorando sul cercare di prenderla meno male. Le prime due settimane dopo l’operazione ero così frustrato che ho provato cose totalmente nuove, ho persino visto dei film che non avevo mai visto prima.
 
 
Che film hai visto?
SUGA: Ho visto ‘Samjin Company English Class’ dato che lo avevano trasmesso su IPTV, e ora ho in lista ‘Tenet’. L’ultimo film che avevo visto al cinema era stato ‘Parasite’. Da quando il distanziamento sociale si è fatto più serrato, non sono mai uscito ad eccezione delle visite all’ospedale. Mangio anche a casa. In questi giorni sto guardando anche un sacco di TV. Guardare i programmi musicali come ‘Sing Again’, ‘Folk Us’ e ‘Show Me The Money 9’ mi ha dato un input su cosa fare in futuro.
 
Puoi spiegarti meglio?
SUGA: Molti dei concorrenti di ‘Sing Again’ hanno molto talento, ma non hanno ancora mai avuto un’opportunità, e in ‘Folk Us’ molti hanno portato la propria chitarra sul palco. Io ho iniziato a studiarla recentemente, e sto sentendo l’urgenza di ampliare i miei orizzonti musicali. E da quando il mio interesse per l’industria musicale americana si è accentuato, mi sto preparando, come studiando l’inglese e via dicendo.
 
Cos’è che ha alimentato il tuo interesse?
SUGA: Per certi versi, si tratta del mercato musicale più sviluppato, dal punto di vista commerciale. Se perdi di credibilità, potresti perdere improvvisamente anche l’interesse del mercato. In un sistema simile, provi di tutto, può essere una buona strategia. Voglio fare musica a lungo, e con questi estremi desidero sempre imparare di più sul panorama musicale mondiale, perché vorrei scrivere musica che sia amata non solo in Corea, ma anche negli Usa, in Giappone e in Europa.
 
A tal proposito, sembra che BE sia stato influenzato dalla musica del passato, piuttosto che dalle mode del momento.
SUGA: Mi piace soprattutto improvvisare, con la musica. Amo le canzoni che sono state composte di getto, piuttosto che quelle che sono state registrate più e più volte. In quest’era di crossover musicali, è nato in me il desiderio di fare di meglio.
 
Da quando i generi si sono più amalgamati, deve aver assunto sempre più importanza la melodia da utilizzare. Iniziare a suonare la chitarra ti ha condizionato in qualche modo, da compositore?
SUGA: Ho sempre amato usare le sonorità della chitarra. E ho sempre amato i The Eagles. Se sai suonare la chitarra, è molto più facile scrivere musica, perché è uno strumento che ti puoi portare dietro ovunque vai, pizzicandone le corde per creare pezzi musicali. Le tastiere sono difficili da trasportare (Ride). Spesso lavoro dal mio pc, ma era da un po’ che pensavo avessi necessità di uno strumento. Velocizza il lavoro e migliora la mia conoscenza degli accordi.
 
Deduco permetta di creare una melodia più intuitivamente.
SUGA: È più facile creare una canzone, così, perché puoi migliorarla ad intuito e sperimentare. Mentre lavoravo ad ‘Eight’, IU mi ha inviato una canzone registrata da telefono. A quel tempo non sapevo ancora suonare la chitarra, ed ogni volta che ci aggiornavamo dei rispettivi progressi, ci assicuravamo di lavorare sulla stessa parte. È lì che ho capito di aver necessità di imparare uno strumento musicale.
 
 
Questa canzone risale in realtà a prima che tu iniziassi a suonare la chitarra, ma trovo ‘Telepathy’ di BE molto interessante. La melodia continua a cambiare tra un ritornello e l’altro, ad ogni membro; hai scritto ogni parte di getto?
SUGA: Ho suonato le prime note a inizio del 2020, e mentre mi rendevo conto di quanto fosse divertente la musica, mi si stavano aprendo contemporaneamente tantissime porte. Quindi è stato piuttosto semplice lavorarci su. Ho semplicemente suonato una base e iniziato da subito a scrivere, fino alla fine. Fatto. L’ho scritta in soli 30 minuti. La canzone si è quasi scritta da sé. Le ultime tendenze nel panorama pop e hip-hop sorpassano le distinzioni tra canto e rap. Mi piace come cosa.
 
Quando ti sento cantare, sembra che tu stia scandendo la base, piuttosto che seguire le note. Ho pensato quindi che canti come se stessi rappando.
SUGA: Quando fai rap pensi solo al ritmo, è come mettere una melodia su una base ritmata. Dovessi dire cosa viene prima, credo che sia la melodia a seguire la scrittura della strofa rap.
 
In ‘Life Goes On’, il verso ‘Per fortuna tra di noi nulla è cambiato” si colloca a metà strada: non è rap, ma sarebbe riduttivo definirla una semplice melodia.
SUGA: Ovviamente ci sono canzoni in cui il rap deve essere valorizzato. Ad esempio in ‘Dis-ease’ o ‘Ugh!’ devi saper rappare. Ma in quelle canzoni che devono essere semplici all’ascolto, il rap pesante non è sempre la strada giusta. A volte si vuole ottenere un passaggio dolce, senza ostacoli.
 
In questo senso, il flusso rap di “Blue & Grey” è stato impressionante. Piuttosto che cercare di ottenere un effetto drammatico che enfatizzasse ogni parte, hai rallentato il rap in modo da armonizzarlo con il ritmo della canzone.
SUGA: Ad essere onesti, è difficile rappare seguendo questo ritmo. L’inizio della canzone ha solo una linea di chitarra, il che lo ha reso ancora più difficile. Ho partecipato al testo di “Blue & Grey” e ho sempre voluto lavorare su una canzone come questa. Perché il primo verso parla del tema stesso della canzone.
 
Sembra che tu abbia realizzato quasi tutto ciò che volevi in BE.
SUGA: Penso che ci sia voluta meno di una settimana per lavorare alla mia parte nell’album. Dopo aver scritto una o due melodie per “Life Goes On”, ho scritto una versione completa con anche la parte rap e mi è piaciuto lavorare separatamente all’arrangiamento e poi al testo. Piuttosto che scervellarmi sui modi diversi in cui avrebbe potuto funzionare, ho scelto semplicemente di suonare e scrivere.
 
Molti autori non sono sicuri dello loro capacità nemmeno dopo aver prodotto dei buoni lavori. Cos’è che ti motiva a pubblicare il tuo lavoro?
SUGA: Molti musicisti non sono sicuri se pubblicare o meno la loro musica. È stato lo stesso per me, ma il fatto è che non rilascerai mai nulla se cerchi il pelo nell’uovo. Ad esempio, se pubblichiamo 10 canzoni, abbiamo poi la possibilità di “svelarle” ai fan durante i concerti o altri eventi organizzati per loro. E a volte, mentre ascoltiamo una canzone, pensiamo, “Perché questa parte che mi aveva infastidito non mi infastidisce più?” Alcune cose potrebbero sembrare imbarazzanti ad un certo punto, ma poi col tempo non lo sembrano più. Anche io me ne dimentico. Quindi è più efficiente provare e fare musica, guardando il quadro generale, piuttosto che pensare troppo ai dettagli. Inoltre, durante le promozioni, non ho il tempo di selezionare le tracce che altri mi hanno inviato. Sarebbe un successo per tutti se ognuno di noi suonasse e scrivesse singolarmente nel proprio tempo libero e poi collaborasse con gli altri sui dettagli. Quindi il modo di scrivere canzoni si è evoluto sotto molti punti di vista.
 
Cosa ti ha spinto verso una tale evoluzione?
SUGA: Penso che la cosa si sia evoluta naturalmente. Alcuni aspetti della mia personalità sono cambiati nel corso di quest’anno (2020), anche in termini di interpretazione e atteggiamento nei confronti della vita, al punto che a volte quasi pensavo stessimo facendo le prove (N.d.T. sul palco, mentre si esibivano senza pubblico). Come mi sarei sentito se non ci fosse più stato alcun palcoscenico su cui salire o alcun pubblico a guardarmi? Questo pensiero mi ha fatto capire il valore di queste cose.
 
In “Dis-ease” canti “Non so se è il mondo che è malato”. È stato questo stile di vita che ha cambiato i pensieri sul tuo lavoro?
SUGA: Sì. Quando ero giovane, avevo abbracciato la convinzione che “Deve essere colpa mia”, ma quando sono diventato più grande ho capito che non è sempre vero. La maggior parte di ciò che credevo fosse colpa mia in realtà non lo era. D’altra parte, ci sono cose che ho fatto bene e occasioni in cui sono stato fortunato.
 
‘I NEED U’ è uscita in un periodo in cui stavi ancora pensando “Deve essere colpa mia”. Dopo che i membri si sono esibiti sul palco con ‘I NEED U’ al “Song Festival” di KBS, hai scritto su Weverse: “È tutto come cinque anni fa”. Come ti confronteresti con allora? (Questa intervista si è tenuta il 19 dicembre 2020.)
SUGA: Siamo maturati un bel po’. E le nostre esibizioni sul palco sono diventate più naturali. Mi piace ancora ‘I NEED U’. Anche solo ascoltarne il beat mi rende sentimentale e, soprattutto, la canzone è venuta bene. Quindi, mentre guardavo questo e quello mi sono imbattuto in vecchi video. Guardarli mi ha fatto pensare che non siamo cambiati poi molto.
 
Sotto quali aspetti non sei cambiato?
SUGA: Prima che le misure sul distanziamento sociale diventassero più rigide, ho parlato con il fotografo per BE, ci siamo conosciuti quattro anni fa. Mi ha detto di essere sorpreso che non siamo cambiati così tanto dopo il successo, nonostante si aspettasse che fossimo molti diversi.
 
Sinceramente lo trovo stupefacente. Ho avuto la possibilità di conoscervi prima del vostro debutto, ma dalle tue parole, e da quelle degli altri membri, mi sembra non siate cambiati affatto.
SUGA: Penso che sia perché non diamo molto peso al successo. Per esempio, è incredibile arrivare primi nelle classifiche Billboard, ma allo stesso tempo rimani lì tipo “Okay, e quindi?”
 
Vale anche per i Grammy? (Ride)
SUGA: Quando siamo stati nominati ai Grammy abbiamo pensato: “È vero?” (ride). Certo che ne eravamo felici, ma non abbiamo pensato “Siamo cantanti nominati ai Grammy”. Se sei nominato, sei nominato, e se vinci il premio, hai vinto il premio. Non è una cosa sconvolgente. So che si tratta di un grande premio e sarebbe bellissimo riceverlo, ma sappiamo che nulla sarebbe possibile senza lo straordinario supporto dei fan. La cosa più importante è che i fan siano più felici di noi quando riceviamo un grande premio. Quindi siamo contenti, ma in realtà per noi è “Facciamo quello che dobbiamo fare”. Ci siamo abituati a continuare a cercare il nostro posto, quindi nessuno rimane emozionato a lungo.
 
In “Fly To My Room”, c’è una parte del testo che dice: “Questa stanza è troppo piccola per racchiudere i miei sogni”, e “Anche se a volte questa stanza diventa un secchio della spazzatura per emozioni, mi avvolge”. Ho avuto come la sensazione che per te la stanza rappresenti questo tipo di posto, e che tu abbia accettato di essere cambiato, ma ciò nonostante la tua essenza è rimasta la stessa.
SUGA: Non è stato facile accettare che alla fine siamo cambiati, ma penso che in fin dei conti sia una buona cosa. Ciò che abbiamo fatto in passato era possibile farlo solo in quel momento, e siamo potuti cambiare grazie a tutto quello che abbiamo ottenuto.
 
Allora, quali sono i tuoi nuovi sogni?
SUGA: Ho intenzione di continuare a fare musica. Dato che a causa del COVID-19, tutte le esibizioni sono state cancellate, ho avuto la possibilità di parlare con molti musicisti in Corea. Ho parlato con cantanti leggendari come fossero miei coetanei. Parlare con loro ancora una volta mi ha fatto realizzare molte cose. Dato che la musica è la mia professione, non riesco ad immaginarmi senza. Sono grato che ci siano ancora delle aree inesplorate del mondo musicale.

In che genere di musica pensi ti cimenterai in futuro?
SUGA: Mi sono sentito molto motivato quando ho visto il concerto di Na Hoon-a durante l’ultimo Chuseok. Mi sono chiesto come fanno gli artisti a fare musica e ad esibirsi per così tanto tempo come ha fatto lui. In quel momento ho pensato: “Voglio essere come lui”. Ha passione e voglia, e più di tutto è una superstar. Qualche anno fa ho portato i miei genitori ad un suo concerto, quando hanno visto l’esibizione dell’ultimo Chuseok hanno detto che vederlo dalla televisione era meno di impatto (ride).
 
Questo potrebbe spiegare il tuo interesse per uno spettro musicale più ampio, andando dagli strumenti per la composizione ai generi musicali. Perché vuoi fare quello che fai per molto tempo.
SUGA: Il mio obiettivo è continuare a fare musica, sotto qualsiasi forma. Sotto questo punto di vista, provo un grande rispetto per Cho Yong-pil. Lui prende il suono migliore che ha, e lo reinterpreta a modo suo. Penso sia una cosa che voglio fare anche io, continuare a cambiare ed evolvermi così da poter continuare a fare musica per gli anni che verranno.
 
Il testo “Per fortuna, tra me e te, nulla è cambiato” deve avere un maggior significato per i fan perché continueranno ad ascoltare la tua musica per molto tempo.
SUGA: In questo momento, un mese e mezzo sembra essere lungo una vita per i fan quando siamo lontani. Io mi sento allo stesso modo. Ma penso che sia la prova che abbiamo lavorato duramente nei sette anni passati, e che i fan si siano uniti a noi con passione. Non vedo l’ora di poterli raggiungere il prima possibile, sono ansioso di salire sul palco. Sto affrontando tutto questo perché voglio essere migliore sul palco, in condizioni migliori, quindi non siate tristi e per favore, aspettate ancora un po’.

Traduzione a cura di BTS Italia | @BTSItalia_twt (Hanabi, Mary, Rebecca).
Prendere solo con crediti.

Intervista ViVi: il #BoyfriendLook di V; passeggiata per Tokyo con un adorabile cagnolino

Primavera… stagione dell’amore! La star di fama mondiale V, dei BTS, gruppo che sta conquistando il mondo, ci sta conducendo in quei posti da appuntamento tipici della stagione, mostrandoci un tipico #BoyfriendLook. Ragazzi, siete pronti a sentire il vostro cuore palpitare?

20180319210311_fihm8vbe965qk28anech7enis6_main_v.jpg

V ha da poco preso un cane. Quando gli ho mostrato la foto del compagno che avrebbe avuto durante il servizio fotografico, Tarou, ha felicemente sorriso: “Aww, è adorabile! E’ un Pomerania? Come il mio cucciolo! Quando ero piccolo, giocavo sempre col cane di mia nonna, Sunshim, ogni volta che tornavo alla fattoria. Ne ho sempre desiderato uno per me, ma ero preoccupato che non riuscissi a prendermene cura. Dopo aver conosciuto molti cuccioli, e sentito le storie di molte persone, ho finalmente deciso di adottare un cane. Si chiama Yeontan, soprannominato Tan-chan. In coreano il suo nome significa tizzone, l’ho chiamato così per via della somiglianza. Il suo punto di maggior fascino sono le sopracciglia!”

Il cellulare di V è pieno di sue adorabili foto e video di Yeontan: “Gliene scatto di continuo, si deve essere ormai stancato (ride). Anche se mi diverto a scegliergli i vestiti e farglieli indossare, si rifiuta sempre e cerca di sgattaiolare via”.

Arriviamo sul set del servizio fotografico, un parco, e finalmente incontra Tarou. Conosciuto per avere un debole per le persone belle, obbedisce subito a V e fa quello che gli viene richiesto, comandi come “fermo”, “seduto”, “zampa” e “giù”.
“A Yeontan glieli ha insegnati la prima padrona. Tarou era così carino e obbediente, ma nessuno batte il mio Tan-chan! Mi è venuta voglia di vederlo!”

20180319210908_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v1.jpg

  • Che tipo di immagine ti suscita Tokyo?

Ci sono un sacco di persone gentili. Amo i paesaggi naturali, ma a Tokyo ci sono un sacco di strade e luoghi carini. Tra tutti, quello che più mi ha colpito è Shibuya.

  • Se una coppia andasse in Corea, dove consiglieresti loro di andare?

Il fiume Han! E’ bello andare in bici lungo la riva, inoltre c’è un posto lì vicino dove puoi mangiare ramen istantaneo e sederti su una panchina. Ci sono un sacco di ristoranti coreani, sarebbe bello andarci come coppia. Se venite in Corea, provate ad assaggiare la vera japchae.

20180319211347_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v2.jpg

  • Come sono J Hope e Jimin di persona?

J Hope mi fa pensare a come possa esistere un ballerino così fantastico, è davvero bravo. E’ sempre gentile, e cerca sempre di immedesimarsi nel prossimo.

Jimin è così carino, ed è sempre pronto ad ascoltarmi, però sul palco tira fuori un’aria sexy. C’è molta differenza tra il Jimin sul palco, e quello fuori.

20180319211627_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v4.jpg

  • Che parola giapponese hai imparato di recente?

L’ho scritta sul telefono, un attimo. Oh, “Nagareboshi (流れ星)”. All’improvviso mi era venuta voglia di vedere una stella cadente, e ho visto come si dicesse in giapponese.

  • Di recente è successo qualcosa di divertente in dormitorio?

Il giorno del mio compleanno, Jungkook ha cucinato del ramen per tutti noi. Siamo stati tutti insieme, e abbiamo riso per tutto il tempo.

20180319211821_fihm8vbe965qk28anech7enis6_v3.jpg

  • C’è un artista o attore giapponese che vorresti incontrare?

Hoshino Gen! Mi piace molto!! Ci siamo incontrati al Music Station di fine anno dell’anno scorso e siamo riusciti a parlare per un po’. Hoshino è sia cantante che attore ma, se possibile, vorrei lavorare con lui come cantante.

  • Qual è la tua canzone e verso preferito del nuovo album “Face Yourself”?

Mi piace Crystal Snow, la parte in cui dice “Vorrei afferrarti prima che tu scompaia”. L’ha cantata Jimin, ma è la mia parte preferita (Jimin, che era accanto a lui, lo ringrazia).

 

Traduzione a cura di Bangtan Sonyeondan – BTS Italia. Prendere solo con crediti.